6 Novembre 2014

Nuova allerta maltempo, a Roma: scuole chiuse. L’appello del sindaco Marino: “Limitate l’uso dell’auto”

 Nuova allerta maltempo, a Roma: scuole chiuse. L’appello del sindaco Marino: “Limitate l’uso dell’auto”

Nuova allerta meteo del Dipartimento della Protezione Civile: per le prossime ore si attendono temporali anche molto intensi su gran parte dell’Italia, dal Veneto alla Sicilia. Sulla base delle previsioni, il Dipartimento ha valutato una criticità rossa, il livello massimo, per rischio idrogeologico su buona parte di otto regioni: Friuli, Veneto, Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Calabria e Sicilia. La Protezione Civile di Roma avvisa che una bomba d’acqua potrebbe abbattersi su Roma “in tarda mattinata, primo pomeriggio”. Intanto il sindaco di Roma Marino blinda la città e invita i cittadini a stare a casa.
E’ ancora allarme – La perturbazione di origine atlantica, sottolinea il Dipartimento, continuerà a determinare condizioni di spiccato maltempo attraversando l’Italia da nord a sud. E’ stata quindi emessa una nuova allerta, che integra ed estende quelle diffuse nei giorni scorsi, che prevede a partire dalla mattina precipitazioni diffuse, localmente anche molto intense e accompagnate da fulmini e forti raffiche di vento, su Veneto, Friuli Venezia-Giulia, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e sui settori occidentali di Abruzzo e Molise. Sempre dalla mattinata si prevedono venti di burrasca sulle regioni meridionali.
Il prefetto di Roma chiude le scuole – La Prefettura di Roma ha deciso per oggi la chiusura delle scuole a Roma e provincia. Chiusi anche tutti i siti archeologici statali del Lazio, compresi quindi il Colosseo e i Fori. Analogo provvedimento è stato preso nel comune di Fiumicino. La Regione Lazio ha attivato circa 300 organizzazioni di volontariato con 1.200 uomini in campo in vista dell’allerta “rosso” su tutto il territorio. “Meglio cercare di prevenire tutto e non trovarsi di fronte a danni”  ha detto il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro parlando delle misure messe in campo per il maltempo. E’ “una situazione che dovrebbe presentarsi eccezionale, almeno sul piano delle previsioni senza precedenti”, ha aggiunto.
Marino: “Limitare l’utilizzo dell’automobile” – Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, in un video postato sulla sua pagina Facebook, ha aggiunto: “Vorrei invitare tutte le persone che non ne hanno stretta necessità a limitare l’utilizzo dell’automobile. Se effettivamente ci saranno le precipitazioni che si prevedono, addirittura tra 6 e 12 cm d’acqua in poche ore, è evidente che potrebbero crearsi disagi e anche incidenti”. “Nelle prossime ore – spiega – si prevede la possibilità di gravissime precipitazioni nella città di Roma. Il Prefetto ha preso la decisione di chiudere tutte le scuole per evitare pericoli per i nostri figli. Noi per facilitare la mobilità urbana domani abbiamo deciso di aprire tutti i varchi Ztl”.
Chiuse 4 stazioni metro per allagamenti – Il violento nubifragio che si sta abbattendo sulla Capitale ha già provocato la chiusura di 4 stazioni della metro A, allagamenti in diverse zone della città e la chiusura di numerosi sottopassi. All’Eur, quartiere a sud di Roma, un allagamento di vaste proporzioni costringe le auto a tornare indietro. Alcune sono rimaste impantanate, con l’acqua che raggiunge i 30 centimetri. A causa della scarsa visibilità dovuta alla pioggia si stanno verificando rallentamenti sul Grande raccordo anulare. All’aeroporto di Fiumicino la situazione è al momento regolare. Decine gli interventi dei vigili del fuoco da stanotte per strade allagate, alberi e rami pericolanti.
Codacons: “Misura davvero esagerata” – La chiusura di tutte le scuole di Roma per il previsto maltempo che si dovrebbe abbattere sulla Capitale, sembra “una misura davvero esagerata” al Codacons. “Possibile che su tutto il territorio di Roma si abbatterà il diluvio?” si chiede il presidente del Codacons Carlo Rienzi, secondo il quale “il gatto e la volpe ovvero il prefetto ed il sindaco sembrano prendere le decisioni più per ‘pararsi’ e soprattutto più sulle paure che su dati tecnici che dovrebbero essere in grado di segnalare quali sono le zone più a rischio”. Se effettivamente ci sarà il diluvio annunciato, prosegue il presidente, “allora dovrebbero chiudere i cimiteri, le sale giochi, i cinema per bambini. Capisco gli asili nido, le scuole materne ma è possibile che un ragazzo di 17-18 anni non vada a scuola per la pioggia?”. A giudizio del Codacons, il Campidoglio “dovrebbe prevenire gli incidenti e lo potrebbe fare pulendo i tombini, presidiando i sottopassi e non chiudendo le scuole”.
Aereo colpito da un fulmine – Un aereo è stato colpito da un fulmine al motore destro e ha effettuato nella serata di mercoledì un atterraggio d’emergenza all’aeroporto di Fiumicino. Momenti di paura a bordo, ma nessun ferito tra i 51 passeggeri e i membri dell’ equipaggio dell’Atr 42 dell’Alitalia, partito da Ancona e diretto a Roma. Alla richiesta della manovra d’emergenza da parte del pilota sono scattate tutte le procedure. Sul posto vigili del fuoco e polizia.
Prefettura Reggio Calabria, massima allerta – La Prefettura di Reggio Calabria rende noto che “è stata effettuata una ricognizione del territorio provinciale ed è stato disposto il massimo allertamento per le prossime 24-36 ore”.
Miglioramento da sabato – Un certo miglioramento bisognerà attendere la giornata di sabato quando tornerà il sole su gran parte delle regioni, eccetto sulla Venezia Giulia e coste ioniche; una pausa temporanea perché da domenica sera un nuovo peggioramento del tempo colpirà il Piemonte e la Liguria.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox