29 Maggio 2015

Norman, prima le analisi dell’ Arpa poi il taglio e l’ apertura del portellone

Norman, prima le analisi dell’ Arpa poi il taglio e l’ apertura del portellone

BARI Prima sarà eseguito dai funzionari dell’ Arpa un prelievo dei liquidi presenti all’ interno del relitto del traghetto Norman Atlantic, poi i vigili del fuoco cominceranno il taglio dei pistoni con la fiamma ossidrica e, solamente dopo questa operazione delicata, sarà possibile abbassare per la prima volta il portellone di poppa della motonave. Dopo un sopralluogo svolto ieri mattina all’ interno della imbarcazione ormeggiata nel porto di Bari, i pm inquirenti Ettore Cardinali e Federico Perrone Capano e gli uomini della capitaneria di porto hanno stilato un cronoprogramma che dovrebbe portare all’ apertura del traghetto nel giro di 4-5 giorni. Il condizionale è però d’ obbligo, considerando tutti gli intoppi che sino ad oggi hanno dovuto affrontare gli inquirenti. Durante l’ incontro che si è tenuto ieri mattina negli uffici della capitaneria barese, i pubblici ministeri hanno deciso di svolgere un ulteriore esame, l’ analisi dei liquidi presenti all’ interno del Norman Atlantic, la motonave naufragata lo scorso 28 dicembre al largo delle coste albanesi, un disastro provocato da un incendio divampato in un garage e che ha provocato la morte di 11 persone (sono invece 18 i dispersi). Ieri mattina, i vigili del fuoco sono saliti a bordo e hanno portato a termine un’ ispezione, verifiche propedeutiche all’ apertura del portellone del relitto. Successivamente è stato stilato un calendario delle prossime mosse: la prima operazione che verrà eseguita sarà il prelievo di un campione dei liquidi che, successivamente, saranno analizzati dall’ Arpa (agenzia regionale per la protezione ambientale) per capire di che sostanze si tratta e come procedere al loro smaltimento. Solo a quel punto, i tecnici inizieranno a tagliare con la fiamma ossidrica i pistoni e, gradualmente, verrà abbassato il portellone di poppa. Il tutto dovrebbe concludersi nel giro di 4-5 giorni. Tutte le operazioni si stanno svolgendo nella forma dell’ incidente probatorio, seguite passo dopo passo dal gip Alessandra Piliego. Il giudice ha ammesso come parti offese tutte le famiglie delle vittime e dei dispersi e il Codacons, dando quindi la possibilità a loro di seguire ogni fase. Sono state escluse, invece, le aziende di trasporto che lamentano la perdita dei camion e dei carichi di merce. V. Dam.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox