28 Luglio 2015

Norman Atlantic, oggi nuovi sopralluoghi su relitto

Norman Atlantic, oggi nuovi sopralluoghi su relitto

Sono tornati a bordo del relitto della Norman Atlantic quasta mattina i consulenti, periti e investigatori che dovranno svolgere gli accertamenti tecnici sul naufragio che lo scorso 28 dicembre è costato la vita a 11 persone (18 passeggeri risultano ancora dispersi). Riprende così, con un sopralluogo a bordo della motonave andata a fuoco al largo delle coste albanesi e ora ormeggiata nel porto di Bari, l’incidente probatorio disposto dal gip nell’ambito dell’indagine coordinata dai pm Ettore Cardinali e Federico Perrone Capano a carico di 13 persone accusate di cooperazione colposa in naufragio, omicidio plurimo e lesioni.

Lo scorso primo giugno è stato aperto il portellone di poppa dal quale accederanno i tecnici e dal quale sono visibili le carcasse delle auto e dei tir completamente bruciate. Durante il sopralluogo sono stati estratti alcuni pannelli del sistema di controllo informatico della nave che saranno poi sottoposti ad accertamenti tecnici.

«Questa mattina persone non identificate potrebbero aver violato i sigilli del relitto – che si trova nel porto di Bari – della Norman Atlantic». Lo denuncia l’associazione per la difesa dei diritti dei consumatori Codacons. La magistratura barese che indaga sulla vicenda ha sequestrato il relitto a bordo del quale è in corso un incidente probatorio per stabilire le cause dell’incendio.

Stamani i consulenti sono tornati sul ponte del traghetto a circa un mese di distanza dall’ultimo sopralluogo, a bordo i consulenti del Codacons hanno segnalato che «numerose autovetture presenti sulla nave che non erano state coinvolte nell’incendio sarebbero state rinvenute con i parabrezza e i vetri degli sportelli distrutti. Non solo. Attorno alle automobili – fanno sapere dal Codacons – sarebbero stati sparsi tutti i bagagli dei passeggeri contenuti nelle medesime vetture, e gli effetti personali (come vestiti, scarpe, ecc.) apparivano sparpagliati sul pavimento. Il timore del Codacons è che qualcuno possa aver violato i sigilli della Norman Atlantic sotto sequestro e aver avuto accesso alla nave, trafugando i beni personali e gli oggetti di valore dei passeggeri». L’associazione annuncia che chiederà alla Procura di aprire un’apposita indagine sull’accaduto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox