23 Maggio 2019

Norman Atlantic, il porto di Bari chiede il risarcimento danni

 

Doveva restare in porto solo per pochi mesi, ma il sequestro e la complessità delle indagini lo ha trasformato in una sorta di macabro monumento alla tragedia. Tra le parti civili al processo per il naufragio della Norman Atlantic che nel dicembre 2014 provocò 31 morti. c’è anche l’Autorità Portuale del mare Adriatico Meridionale. “Fino all’anno scorso – fa sapere il presidente Ugo Patroni Griffi – il relitto era ormeggiato alla banchina 12. Il calo del traffico crocieristico nello stesso periodo è stato del 38% con un notevole riverbero economico negativo per l’economia del territorio”. Da quando la nave è stata spostata su un’altra banchina, il molo è tornato nella sua piena operatività con una significativa ripresa delle attività. “E’ giusto – sostiene Patroni Griffi – che il danno arrecato sia ripagato al porto e alla città”. Nell’udienza preliminare in corso, oltre all’Autorità portuale, ci sono altre 60 parti civili tra sopravissuti, familiari delle vittime, società e le associazioni Confconsumatori e Codacons.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox