4 Ottobre 2004

«Non vogliamo la discarica»

«Non vogliamo la discarica»

Ieri imponente corteo, oggi la seduta consiliare





CAMPAGNA. Lo spettro della discarica a Basso dell`Olmo sembra aver svegliato di colpo la città di Campagna. Sono apparsi numerosi manifesti e striscioni agli angoli delle strade, mentre è un continuo susseguirsi di volantini e slogan contro la costruzione, ai margini del fiume Sele, di una discarica per i “fos“ e “sovvalli“ dei Cdr della Regione Campania. Ieri tutta la popolazione si era data appuntamento proprio nella cava di Basso dell`Olmo, e la risposta è stata buona, anche secondo gli organizzatori della manifestazione. Oltre settecento persone hanno occupato per tutta la mattinata lo spazio vicino che confina con la cava d`argilla. Una aggregazione notevole. Dopo alcuni momenti di tensione, quando alcuni ragazzi si sono avvicinati nei pressi dell`autostrada, solo per attaccare uno striscione, i rappresentanti del “Comitato di salvaguardia Sele Ð Campagna“, hanno raccolto numerose adesioni per l`inizio dei picchettaggi. Un segnale molto chiaro del clima che si sta respirando da tempo ormai in città. Nei pressi del cancello d`ingresso della cava di Basso dell`Olmo saranno sistemate delle tende, dove alcuni volontari controlleranno la zona da eventuali “sorprese“. Il primo appello ai cittadini è lanciato da Rolando Giorgio, membro del “Codacons“. Ha infatti affermato con estrema decisione: «Tutta la città deve rispondere al nostro appello. è per il bene e la salute di tutti. Non vogliamo che questa lotta prenda dei determinati colori politici, la discarica interessa tutto il nostro territorio, e indipendentemente dalle ragioni dei partiti, noi dobbiamo lottare per una volta tutti insieme. Il nostro rappresentate – ha continuato poi Giorgio – è il sindaco Biagio Luongo, ed è lui che dobbiamo supportare in tutte le sedi istituzionali, almeno fino alla riunione di lunedì al consiglio comunale». Dichiarazioni che state successivamente confermate in pieno proprio dal primo cittadino Luongo: «Spero – ha ribadito – che la Provincia a questo punto prenda una decisione netta, e comunichi quali sono i siti, su tutto il territorio, che possano ospitare una discarica. In un regime monarchico come quello dei commissariamenti, i rappresentati di Palazzo Sant`Agostino sono la nostra unica via di salvezza istituzionale». Infatti, oggi i capogruppo della provincia, il forzista Gaetano Fasolino, il parlamentare di Alleanza nazionale Franco Cardiello, insieme al consiglio comunale incontreranno alle ore diciotto nell`aula consiliare del Municipio di Campagna i cittadini. Un summit che si preannuncia particolarmente caldo, su questo non ci sono dubbi. Sono molti, a questo punto, a vedere l`incontro come l`ultima possibilità, da parte della Provincia e delle istituzioni, di prendere una posizione netta e decisa, seguendo anche le direttive e le preoccupazioni espresse da Villani nella lettera scritta al prefetto Catenacci, subito dopo l`ordinanza che disponeva l`inizio della progettazione per la discarica e il termine ultimo per l`inizio dei lavori. Se l`incontro non darà i risultati sperati, sarà l`inizio della vera e propria protesta contro le istituzioni. Una situazione esplosiva anche alla luce di un`altra considerazione. Da tempo, ormai, si trascina una situazione di incertezza che sicuramente ha alimentato le tensioni. Forse è arrivato il momento di dire una parola definitiva su tutta la questione.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox