16 Marzo 2007

Non tutte le comunità di recupero sono d`accordo con la sentenza

Reazioni contrastanti Non tutte le comunità di recupero sono d`accordo con la sentenza

Non tutte le comunità di recupero sono d`accordo con la decisione del Tar. Il Codacons, che insieme ad una cooperativa sociale-comunità terapeutica di Taranto aveva presentato il ricorso, ha applaudito la sentenza del tribunale amministrativo. Andrea Muccioli, responsabile della Comunità di San Patrignano, ha detto di essere soddisfatto “un decreto, promulgato senza consultare nessun operatore e su motivazioni inesistenti“. Il Coordinamento nazionale Comunità di Accoglienza ha espresso “sconcerto“. La Federazione ritiene che debba essere “assolutamente superata un`impostazione che affronta tematiche che riguardano aspetti educativi e di crescita con risposte penali e sanzionatorie “. Il Cnca ha sottolineato che, “con la decisione di ieri un 30% di giovani segnalati potrebbero ora rientrare in un percorso penale invece che amministrativo. Si riapre così la diatriba sull`opportunità di predisporre tabelle“. Patrizio Gonnella, presidente di Antigone: “La sentenza del Tar è suicida. Se è illegittimo il decreto Turco, lo era, per le identiche ragioni anche quello Storace. Speriamo che si guardi verso la depenalizzazione e il buon senso“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox