12 Novembre 2015

«Non più ammissibili altri errori o ritardi»

«Non più ammissibili altri errori o ritardi»

Quanto accaduto nella giornata di martedì a Calatabiano merita «ulteriori approfondimenti, perché dopo quasi venti giorni di emergenza non sono più ammissibili errori e ulteriori ritardi». A sostenerlo è il segretario nazionale del Coda cons Francesco Tanasis, il quale chiede chiarezza sulle vicende relative al piano di sicurezza nel cantiere. «Si tratta – spiega l’ avv. Antonio Cardile, presidente provinciale del Codacons – di un documento previsto dal Testo unico sicurezza sul lavoro da redigere a cura del datore di lavoro e che deve essere sempre presente in cantiere nel quale cui devono essere riportate le informazioni relative a quello specifico cantiere e valutati i rischi a cui sono sottoposti gli addetti dell’ impresa. Non si tratta di un mero adempimento amministrativo, ma soprattutto un documento indispensabile al fine di prevenire o quantomeno ridurre al minimo i rischi per i lavoratori». «I messinesi – dichiara Cardile – sono sconcertati e scandalizzati dai continui problemi che si verificano a Calatabiano. È interesse di tutta la collettività comprendere come tutti i soggetti competenti si siano mossi e come stiano operando tutti coloro che devono porre fine ad una vicenda che è ormai grottesca e che ha fatto sprofondare Messina in un incubo che continua a riservare incredibili colpi di scena. Dopo aver finalmente assicurato quello che è il bene primario per ogni essere umano anche a tutti i messinesi verrà poi anche il momento di accertare le responsabilità e risarcire i danni? O no?».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox