13 settembre 2017

NO ALL’ANTENNA DI VIA CRISTOFORO COLOMBO 1800

Vodafone e Wind-Tre, e in generale i colossi delle telecomunicazioni che dominano il mercato italiano, hanno sempre bisogno di nuove strutture per la telefonia: anche se, antenna dopo antenna, il territorio è ormai saturo. Stavolta è il turno del quartiere Mezzocammino, nella periferia sud della Capitale. La richiesta è stata infatti avanzata al Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica (PAU – servizio autorizzazioni telefonia mobile, prot. n. 83477 del 12 maggio 2017), aprendo la strada alla realizzazione dell’impianto.

L’iter è quello consueto: insomma, l’antenna sarebbe prossima, se non fosse per la contrarietà dei residenti. I cittadini, infatti, sono preoccupati per l’inquinamento elettromagnetico e la conseguenze sulla salute.

I RESIDENTI

La vicinanza di alcune scuole (Scuola Comunale “Fiori di Loto”, Asilo nido “Nati oggi” e Scuola Statale “Sergio Bonelli”), zone ritenute sensibili dalla normativa applicabile al procedimento in questione, rappresenta la prima e più importante ragione di opposizione al progetto da parte della popolazione residente. I cittadini della zona, inoltre, contestano anche la mancanza di informazioni in merito alla tutela della salute pubblica e dell’ambiente. E non solo: in tanti ritengono che una serie di obblighi procedimentali “per regolamentare gli impianti di SRB presenti sul territorio urbano al fine di minimizzare l’esposizione della popolazione e l’impatto ambientale degli stessi” non siano stati adeguatamente rispettati: questi adempimenti, infatti, sono necessari per ottenere l’autorizzazione definitiva, sulla base dell’istituto di silenzio/assenzo introdotto dalla riforma Madia e utilizzato in questi casi.

L’INIZIATIVA CODACONS

Il Codacons, a questo punto della vicenda e visto che l’iter di installazione dell’antenna è ormai avviato, ha deciso di attivarsi concretamente e raccogliere la pre-adesione di tutti i cittadini residenti per intraprendere, insieme, l’iniziativa anche processuale più idonea a tutelare i loro interessi.

La pre-adesione non comporta alcun impegno ad aderire alle iniziative future: cliccando qui puoi inviare la tua manifestazione d’interesse (assolutamente gratuita) all’iniziativa dell’Associazione. In questo modo sarai puntualmente aggiornato su tutte le novità dell’iniziativa e ogni eventuale iniziativa legale avviata dall’Associazione.

In ogni caso, l’azione in questione non avrà luogo in mancanza di riscontri riguardo un sensibile interesse a procedere da parte della cittadinanza.