29 Ottobre 2014

«No ai tagli degli autobus diretti al Bambino Gesù»

«No ai tagli degli autobus diretti al Bambino Gesù»

CERVETERI Per primi hanno aderito i sindaci di Ladispoli e Cerveteri. Ed ora stanno massicciamente firmando anche i cittadini. Sono ore di mobilitazione sul litorale dopo la petizione popolare avviata dal Codacons che chiede alla Regione Lazio di ripristinare le corse dei bus urbani che collegavano Ladispoli all’ ospedale Bambino Gesù di Palidoro. Una linea soppressa nei mesi scorsi a causa del taglio effettuato dalla Giunta regionale alle risorse del trasporto pubblico. La raccolta di firme ha ottenuto adesioni a vari livelli. «Ripartiamo con questa battaglia – dice Angelo Bernabei, coordinatore del Codacons – avendo al nostro fianco le amministrazioni di Ladispoli e Cerveteri. I sindaci Paliotta e Pascucci sono i primi firmatari di una petizione che segnala l’ importanza del trasporto pubblico tra il litorale e l’ ospedale pediatrico. Chi non possiede un’ automobile deve barcamenarsi per ore tra pullman e treni per arrivare a Palidoro. E chi ha un veicolo arriva a pagare fino ad 8 euro al giorno nel parcheggio dell’ ospedale. Sono i numeri che confermano l’ importanza della linea urbana, adoperata ogni mese da circa 5.000 utenti, tra parenti dei bimbi ricoverati e dipendenti della struttura. Tra cui molti abitanti anche di Cerveteri. Siamo certi che il sostegno dei comuni sarà decisivo al momento di proporre la riattivazione delle corse alla Regione». La petizione del Codacons si può firmare in numerosi luoghi pubblici di Ladispoli e Cerveteri. Gianni Palmieri © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox