fbpx
7 Febbraio 2002

Niente sale e l?asfalto ghiaccia? Paghi la società concessionaria

Niente sale e l?asfalto ghiaccia?
Paghi la società concessionaria




TRIESTE – Se le Autovie Venete sono nei guai con i caprioli, la Società Autostrade si trova invece alle prese con il sale. Non stiamo parlando di truffe sullo stile di Wanna Marchi, ma dei rimedi usati sulle carreggiate nei periodi di gelo. La vicenda ha inizio un mese e mezzo fa, il 16 dicembre, quando un?auto, percorrendo il tratto autostradale tra Gemona e Udine Nord, si trova a dover effettuare una brusca frenata all?altezza del parco del Cormor. Sono le 16.30, l?asfalto è gelato, le gomme non fanno presa, la macchina sbanda e finisce contro il guard-rail. La donna che conduce la vettura non riporta ferite, ma l?auto è semidistrutta: i danni saranno pari a 3 milioni di lire. Fino a qui, sembrerebbe una cronaca di un incidente, e invece si trasforma in una vicenda giudiziaria. Perché quei tre milioni potrebbero essere pagati proprio dalla Società Autostrade. Il motivo? Proprio il mancato spargimento di sale sulla carreggiata. La denuncia della vicenda arriva dal Codacons regionale, ente che tutela i diritti dei consumatori. Proprio il 16 dicembre, giorno dell?incidente, i titoli sui maggiori quotidiani riguardavano il rischio incidenti causa ghiaccio: le previsioni parlavano di gelo siberiano e bora a 140 chilometri all?ora. Secondo il Codacons, che porta avanti la richiesta di rimborso contro Società Autostrade, c?era quindi tutto il tempo per intervenire molto prima del tramonto, quando il pericolo ghiaccio poteva essere prevenuto. Invece i mezzi spargisale si sono fatti vedere nel tratto in questione solo a incidente avvenuto, su richiesta della polizia intervenuta per i rilievi. Il caso, uno dei primi in regione, rientra nella campagna portata avanti a livello nazionale dal Codacons, contro mancate manutenzioni di strade comunali, provinciali e nazionali.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox