19 Ottobre 2020

Niente dolcetto o scherzetto. Covid affossa il business di Halloween

 

Non è tempo di festeggiare Halloween. Maschere, scheletri, vampiri e streghe sono rimandati a tempi migliori. Il presidente della Campania Vincenzo De Luca ci è andato giù duro qualche giorno fa parlando di “stupida americanata importata nel nostro paese” e annunciando il “coprifuoco” dalle 22, ma certo è che il business della festa, in quest’anno in cui le feste non si possono fare perché bisogna evitare assembramenti, non gira più: meno 78% per il giro d’affari legato ad Halloween. La pandemia lo rende impraticabile.

Halloween, giù il giro d’affari

Le prime stime sulle conseguenze della pandemia da coronavirus su questa festa invero contestata, percepita come di importazione ma negli ultimi anni molto diffusa, soprattutto fra i bambini, vengono dal Codacons che parla di un giro d’affari per Halloween limitato quest’anno a 65 milioni di euro, contro i 300 milioni del 2019.

Niente dolcetto o scherzetto. Niente feste nei locali. Facile prevedere pochi travestimenti (qualcuno esulterà per ragioni culturali, prima ancora che sanitarie) e meno gadget in generale, fatta eccezione forse per qualche divertimento per i più piccoli. Sembra andar male anche la vendita di zucca in tutte le sue varianti, almeno secondo le previsioni del Codacons.

Un numero crescente di italiani ha preso a festeggiare Halloween negli ultimi anni. Il 2020 sarà diverso.

«Quest’anno non solo non ci saranno feste a tema nei locali e nelle discoteche, ma si riduce sensibilmente il numero di cittadini che ricorrerà a maschere e travestimenti o che dedicherà budget di spesa a gadget e altri prodotti legati ad Halloween – dice il presidente Codacons Carlo Rienzi – Praticamente azzerata la spesa per eventi in discoteche e locali, che nel 2019 aveva raggiunto quota 150 milioni di euro».
Halloween senza travestimenti e con pochi gadget

«Complessivamente, il business di Halloween – dice il Codacons – passerà dai 300 milioni di euro dello scorso anno ai 65 milioni di euro del 2020, con un crollo verticale del giro d’affari del -78% come conseguenza dell’emergenza Covid e delle inevitabili misure varate dal Governo».

Le misure anti-Covid bloccano assembramenti e feste. Stop ad Halloween come si era diffuso negli anni passati. Difficile immaginare frotte di bambini alla porta di casa. La spesa per travestimenti e maschere, stima il Codacons, passerà dai 90 milioni di euro del 2019 a circa 25 milioni di quest’anno. Andranno male anche i gadget legati ad Halloween, per i quali si stima una spesa di 30 milioni di euro contro i 45 dello scorso anno, in prevalenza prodotti per bambini. La tradizionale zucca in tutte le sue varianti vedrà una spesa di circa 10 milioni di euro. Lo scorso anno era di 15 milioni.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox