3 Agosto 2005

Niente depuratore: bollette più leggere

Niente depuratore: bollette più leggere




SALERNO ? Gli utenti di servizi idrici non devono pagare alcun canone per il servizio di depurazione delle acque reflue se non esiste o non è in funzione il relativo impianto. Nel caso in cui tale canone sia stato pagato, i cittadini hanno diritto alla restituzione. È questo il principio, stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 14314 del 7 luglio scorso che ora rischia di provocare contenziosi a raffica per la restituzione del canone versato da parte dei cittadini, contro i Comuni sprovvisti di depuratore.
La sentenza n. 14314 della Corte di Cassazione conclude una vicenda che ha visto protagonisti il Comune di Meta di Sorrento e l`Arips ( azienda risorse idriche penisola sorrentina), da un lato, e alcuni cittadini e il Codacons, dall`altro. Questi ultimi si erano rivolti dal giudice di pace per farsi restituire il 25% dell`importo delle bollette idriche dell`anno 2000, pari alla quota del canone, non essendo il Comune salernitano dotato di depuratore. Tra l`altro, era emerso nella causa, che i liquami tramite un collettore fognario venivano scaricati direttamente a mare.
Il giudice, accogliendo il ricorso, aveva affermato nella decisione che « è assurdo che gli abitanti debbano sostenere oneri economici per un depuratore inesistente, che non entra in funzione, senza che la Pubblica Amministrazione fornisca doverosa e puntuale motivazione » .
Fra l`altro, in giudizio, il Comune stesso aveva ammesso l`inesistenza dell`impianto di depurazione a terra delle acque reflue.
I giudici di legittimità hanno messo la parola fine, confermando la decisione del giudice di pace e condannando Comune e gestore a restituire le somme già riscosse dai cittadini senza alcuna giustificazione, proprio per l`assenza sia di un impianto di depurazione sia di un fondo previsto nel Bilancio comunale per la costruzione del depuratore stesso.
Infatti, si legge nella sentenza, « non può ritenersi che il legislatore avalli l`assurdo che il cittadino debba sostenere per un periodo indeterminato oneri economici per un depuratore inesistente senza che la P. A. fornisca doverosa e puntuale motivazione » .
Comune e gestore, invece, sostenevano la legittimità della loro richiesta in base a un altro principio sancito dalla sentenza n. 96/ 05 della sezione tributaria della stessa Corte, secondo cui « il servizio di depurazione delle acque reflue costituisce, in base alla legge 5 gennaio 1994 n. 36 ( la Legge Galli), un servizio pubblico irrinunciabile che gli enti gestori sono tenuti ad istituire per legge; gli utenti di esso, ancorché potenziali, sono chiamati, in forza dell`articolo 14, a contribuire, con il versamento di un apposito canone, sia alle relative spese di gestione ordinaria che a quelle di installazione e completamento, comprese le spese per il collegamento fognario delle singole utenze » .
Invece, secondo la terza sezione civile della Corte di Cassazione, sono ingiustificate le riscossioni dei canoni per il servizio idrico fognario se manca il presupposto della somministrazione del servizio stesso, cioè l`impianto di depurazione, o anche se i Comuni non dimostrano che i proventi riscossi affluiscano in un fondo « vincolato » del proprio Bilancio, cioè destinato esclusivamente alla realizzazione ed alla gestione del depuratore. La Cassazione ha dato ragione ad alcuni utenti di Meta di Sorrento.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox