11 Giugno 2019

Nessuna reazione alla diffida Ciuni: leggerò le motivazioni

UDINE. Sul tavolo del prefetto di Udine Angelo Ciuni la diffida presentata dal Codacons per rendere effettivo il divieto di fumo nelle spiagge di tutta Italia, e quindi anche in quelle friulane, ieri pomeriggio non era ancora arrivato.«Per il momento non abbiamo ancora ricevuto nulla – ha infatti dichiarato -, per questo motivo, non avendo letto la documentazione e quello che viene richiesto, non posso rilasciare dichiarazioni in merito». «Non credo nemmeno – si è solo limitato ad aggiungere – che questa materia sia di competenza della Prefettura ma che invece debba essere definita da dei regolamenti comunali». Il documento è già stato visionato invece dal prefetto di Pordenone Maria Rosaria Maiorino che non intende intervenire con una dichiarazione sulla questione non essendoci presenti spiagge e località balneari nella provincia di Pordenone.I prefetti, dunque, preferiscono non prendere una posizione, almeno per il momento, sulla questione che è stata sollevata dal Codacons e sulla richiesta di dover obbligare le amministrazioni comunali a vietare le sigarette in spiaggia, sotto l’ ombrellone. Prendendo dunque come esempio quanto è accaduto nel vicino litorale veneto di Bibione da dove il fumo, in riva al mare, è stato di fatto bandito. — BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox