5 Febbraio 2020

Nel paniere istat monopattini pasti a domicilio e auto elettriche

L’ Istat cerca di stare al passo con i tempi e aggiunge alla lista di prodotti che fanno parte del paniere per il calcolo dell’ inflazione automobili elettriche e ibride, monopattini elettrici, Sushi take away e la consegna di pasti a domicilio. Cambiamenti che l’ Istituto Nazionale di Statistica definisce «rappresentativi dell’ evoluzione nelle abitudini di spesa delle famiglie». Da segnalare tra le novità del paniere del 2020 anche trattamenti estetici per l’ uomo, servizio di barba e baffi e applicazione di smalto semi-permanente. L’ Istat ha anche aggiunto alla lista gli apparecchi acustici e servizi di lavatura e stiratura camicie. Nessun prodotto viene invece rimosso dal paniere, che conta 1.681 prodotti, in quanto tutti quelli già inclusi «non mostrano segnali di obsolescenza». Secondo l’ Istituto, però, il cambiamento più significativo è l’ aumento dell’ utilizzo dei cosiddetti «scanner data», ovvero dei prezzi che vengono registrati alle casse ricorrendo ai codici a barre. Le novità Alla base della formazione, e revisione, del paniere Istat ci sono la rilevanza e stabilità di un certo prodotto, spiega Federico Polidoro, responsabile delle statistiche sui prezzi al consumo dell’ Istat. Non vengono quindi introdotti «prodotti destinati a una vita breve nei consumi delle famiglie». L’ auto elettrica, ad esempio, è stata aggiunta al paniere di quest’ anno «perché ha registrato una crescita progressiva e rilevante nel 2019 che si ritiene proseguirà in prospettiva». Le associazioni dei consumatori si dicono d’ accordo con l’ inclusione di nuovi prodotti in quanto rispecchia il cambio di abitudini delle famiglie e «consente di ottenere dati sulle spese dei consumatori più vicini alla realtà» si legge in una nota del Codacons. Quello che non convince e anzi preoccupa le associazioni sono i cambiamenti dei pesi all’ interno del paniere. «Appare assolutamente incomprensibile la riduzione di peso per il comparto abitazione, acqua, elettricità e combustibili, passato dall’ 11% al 10%», spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi, aggiungendo che si tratta di una delle categorie che ha registrato l’ aumento di prezzi medio più alto nel 2019. Secondo le ultime stime dell’ Istat, l’ inflazione è leggermente cresciuta nel mese di gennaio 2020. L’ indice nazionale dei prezzi al consumo per l’ intera collettività è aumentato dello 0,2% su base mensile e dello 0,6% su base annua. – © RIPRODUZIONE RISERVATA valeria piantoni.
valeria piantoni

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox