15 Febbraio 2019

Negozi. Chiusure domenicali, Codacons replica a M5s: altro che falsità, si rischia il caos!!

 

Agenpress. Altro che notizie false e sciocchezze da tv e stampa sulle chiusure domenicali dei negozi: il provvedimento voluto dal M5S rischia di creare il caos nel settore del commercio e introdurre discriminazioni inaccettabili tra Comuni!

Lo afferma il Codacons replicando alle accuse lanciate oggi dal Movimento attraverso i suoi portavoce in commissione Attività produttive della Camera.

“La proposta di legge M5S-Lega creerà il caos nel settore del commercio e disparità di trattamento inaccettabili a danno dei consumatori a seconda del comune di residenza – spiega il presidente Carlo Rienzi – Il ddl prevede infatti che nelle zone turistiche gli esercenti potranno scegliere il periodo dell’anno in cui rimanere aperti (inverno in montagna, estate al mare), mentre i comuni con più di 10mila abitanti saranno avvantaggiati rispetto ai piccoli centri, potendo mantenere aperti la domenica i negozi fino a 250 mq. Discriminazioni anche in base al settore merceologico, con pasticcerie, rosticcerie, gelaterie, fiorai, librerie e negozi di souvenir che potranno rimanere aperti a danno di tutti gli altri esercizi che non godranno di analoghe deroghe”.

“Con le vendite che continuano a diminuire e tutti gli indicatori economici che segnano numeri negativi, disporre le chiusure domenicali dei negozi equivarrà a condannare a morte migliaia di piccoli esercizi e favorire di fatto i big dell’e-commerce, creando un danno a 19 milioni di italiani che fanno acquisti la domenica e i giorni festivi. E queste non sono falsità o sciocchezze, ma una triste realtà” – conclude Rienzi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox