fbpx
19 Giugno 2019

Negato imbarco per Capri ad un paziente oncologico: è polemica

 

Ad un paziente oncologico arrivato stamane da Capri, è stato negato l’imbarco di ritorno verso l’isola. All’ammalato erano state effettuate le terapie dovute alla sua condizione e poi era arrivato al porto in ambulanza, mezzo che sarebbe dovuto essere imbarcato sulla nave della Caremar.
La posizione assunta dalle compagnie di navigazione interna aveva già nei giorni scorsi mosso i sindaci isolani ad occuparsi del caso. Il sindaco di Capri, Marino Lembo, ha emanato proprio in questi giorni un’ordinanza notificata agli armatori della Caremar, allo scopo appunto di consentire i trasferimenti via mare agli ammalati isolani.
L’emergenza a Capri nella denuncia del sindaco
Il mezzo della “Croce Azzurra di Padre Pio” (associazione di volontariato caprese presieduta dal parroco don Carmine Del Gaudio) doveva rientrare sull’isola imbarcandosi a Calata di Massa. È lì che è scattata l’emergenza. Il sindaco di Capri ha messo in moto un’unità di crisi comunicando l’episodio a Prefetto e Uffici dell’Ammiragliato, con lo scopo di ottenere il rientro sull’isola dell’autoambulanza con la prossima nave veloce delle 17.25.
CODACONS

Sul caso del negato imbarco di un’ambulanza con un paziente oncologico al porto di Napoli interviene il Codacons, che annuncia un esposto alla Procura della Repubblica.

Si tratta di un episodio molto grave sul quale la magistratura deve fare luce – spiega l’associazione dei consumatori – I cittadini malati che risiedono nelle isole non possono vedersi rifiutato l’imbarco, perché i collegamenti con la terraferma garantiscono loro le necessarie cure sanitarie. Pertanto presenteremo domani un esposto alla Procura di Napoli affinché apra una inchiesta sulla vicenda, alla luce della possibile fattispecie di omissione di soccorso.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox