11 Dicembre 2004

Natale salatissimo

Natale salatissimo

I consumatori denunciano aumenti del 15% rispetto all`anno scorso.
Famiglie con sempre più debiti
Più cari addobbi e lenticchie, giù lo zampone

Roma. Il Natale 2004 luccica per i rincari e le famiglie italiane che effettueranno quest`anno gli stessi acquisti del 2003 spenderanno circa il 15% in più: dalle coccardine ed i fiocchi per pacchi alle lenticchie per i cenoni, passando per le luci dell`albero e le Stelle di Natale, dovranno mettere in conto da 80 a 100 euro in più dell`anno scorso.
Lo afferma Intesaconsumatori (che raggruppa Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori) nell`indagine che riguarda i prezzi dei principali prodotti legati al Natale, dagli addobbi per l`albero, ai giocattoli, dagli alimentari ai viaggi. Il rapporto sottolinea altresì come dal 2001 ad oggi le famiglie italiane hanno ridotto di circa il 60% le spese relative alle feste di Natale (15-20% Natale 2004 su 2003) a causa del caro-vita e dell`indebitamento.
I rincari rispetto l`anno scorso riguardano un pò tutte le voci considerate, eccezion fatta per qualche calo che caratterizza gli oggetti di elettronica. Ma anche il tradizionalissimo zampone (-15% sul 2003). In chiaroscuro i viaggi: se infatti gli amanti del caldo potranno giovarsi di un 9,5% in meno di spesa per le destinazioni tropicali, gli aficionados della settimana bianca dovranno fare i conti con un rincaro dell`11%. In aumento anche la settimana in beauty farm (+5,55%). Tra le star degli aumenti, in ossequio al nome, la Stella di Natale: la pianta simbolo costa quest`anno dal 20 al 25% in più. Alla nonna o alla zia è meglio allora regalare una bella candela centrotavola che resta ferma al prezzo medio di 10 euro rispetto allo scorso Natale.
Per la serie costa più il pacco del regalo, l`indagine di Intesaconsumatori evidenzia un balzo dei prezzi del 50% per la coccardina, del 13,3% per la carta regalo e del 17,6% per il nastrino. Che i lustrini si paghino cari lo dimostra anche la variazione dei prezzi segnalata per tutto il comparto dell`addobbo alberi: se il costo dell`abete vero rimane più o meno stabile (registrando al massimo, in alcuni casi, il +16%), i fili argentati aumentano del 20% e la confezione da 50 luci mette a segno un rincaro nel range del 6,7-33%.
Guardando ai regali, risparmio garantito con l`elettronica: il notebook grande è in calo del 7,4% rispetto al Natale 2003, il lettore cd portatile scende del 12,7% e il cd è invariato al prezzo medio di 22,50 euro. Non fanno male alle tasche neanche i rasoi per i quali si segnala un consistente calo, nell`ordine del 15,6% per la versione lady e dell`11,5% per quella da uomo. La griffe, come si sa, si paga e questo Natale una borsa firmata costerà il 14,7% in più, mentre gli occhiali da sole salgono del 18,5%.
In aumento anche i giocattoli. Corre veloce quello della pista per le automobiline (+20%) e dei peluches, ugualmente del 20%. E galoppa anche il sornione cavallo a dondolo (+17,6%).

Anche gli alimentari sono più salati, ad eccezione del crollo dello zampone (-14,8%) cui si contrappone peraltro il +8,1% del cotechino. Boom di spesa anche per il brindisi: +14,7% per il prosecco, +8,3% per lo spumante, +20% per il vino da tavola. E, per finire, a smentire la sua dizione di piatto povero, le lenticchie si fanno pagare quest`anno il 55,5% in più.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox