23 Novembre 2009

Natale hi-tech, consumi salvi

Feste in tempo di crisi: spesa di 200 euro. Male addobbi e viaggi, bene l’alimentazione
 

Sotto l’albero sempre più regali tecnologici, mentre le case si spogliano degli addobbi natalizi. Il monitoraggio del Codacons sugli acquisti per le feste lascia intravedere «una generalizzata tendenza al risparmio e all’austerity, legata soprattutto alla crisi economica che nel nostro paese ancora si fa sentire». Sarà insomma un Natale “freddo” dal punto di vista dei consumi. In calo in particolare, secondo i dati dell’associazione, gli addobbi per la casa (-15 per cento rispetto al 2008), i regali a parenti e amici (-10%) e i viaggi (-8%).
«Gli unici settori che faranno registrare vendite stabili sono i giocattoli e gli alimentari – spiega il presidente Codacons, Carlo Rienzi – settori nei quali tuttavia si registrano incrementi di prezzo rispetto al 2008. Molto bene tra i giovani l’hi-tech e i prodotti di nuova tecnologia».
La spesa per le strenne natalizie non supererà quota 200 euro a persona, una cifra in linea con quella dello scorso anno nonostante consumi ridotti, proprio a causa degli incrementi dei prezzi al dettaglio.
Intanto, l’Ue mette in guardia sulle insidie delle decorazioni natalizie, dai classici fili con le lucette a quelli con le palle di Natale luminose a quelli con delle piccole lampadine a forma di candela, di stellina o di campana: secondo un rapporto della Commissione europea «gran parte di questo materiale venduto nel mercato europeo» – spesso proveniente da Paesi extra europei – non è a norma ed è pericoloso.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this