22 Dicembre 2002

NATALE 2002: ECCO UN GIOCO DA NON REGALARE AI PROPRI FIGLI!!

    CHIESTO IL SEQUESTRO DEL GIOCO DELLA PLAYSTATION 2 “GRAND THEFT AUTO“ PER ISTIGAZIONE A DELINQUERE E CORRUZIONE DI MINORI SULLE CONFEZIONI AVVISI DI DIVIETO AI MINORI DI 18 ANNI ILLEGGIBILI E NON RISPETTATI

    CHIEDE I DANNI AL RIVENDITORE, 5 MILIONI DI VECCHIE LIRE PER AVER VENDUTO AL FIGLIO IL GIOCO IN CUI SI VINCE SE SI STUPRA, RUBA, COMMERCIA IN DROGA E AMMAZZANO I POLIZIOTTI









    Dopo i telefonini umts ecco un altro regalo che l?Intesa dei consumatori sconsiglia vivamente di fare ai propri figli. Per la consolle Playstation II è infatti in circolazione un gioco il cui titolo è tutto un programma: ?GRAND THEFT AUTO: VICE CITY?, ossia Furto aggravato d?auto: la città del vizio.
    In questo gioco il giocatore veste i panni di un malavitoso che opera nei più disparati settori dei crimini. Occorre infatti gestire un giro di prostitute, tagliare la gola a chi ha rubato la cocaina alla mafia, organizzare il pestaggio di un gruppo di poliziotti e altre nefandezze.
    Si può addirittura adescare ragazze libertine e consumare con loro rapporti sessuali in auto, dove il parabrezza balla simulando un vero e proprio rapporto fugace in automobile.
    Un gioco questo vietato ai minori di anni 18, che tuttavia viene liberamente venduto a tutti i fans della Playstation II. Inoltre la scritta dove si evince il divieto, è pressoché illeggibile.

    Si tratta di un gioco, sostiene l?Intesa dei consumatori (Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori), che può seriamente danneggiare i minori. Indurre infatti un ragazzo, che ovviamente si identifica nel protagonista del gioco essendo lui stesso a determinarne i gesti, a compiere atti mafiosi, violenti, peccaminosi e privi di qualsiasi moralità, in cui chi vince è colui che più si comporta in modo fuori-legge, che insegnamento può dare ai minori?

    Sicuramente non positivo. Anzi potrebbe addirittura, sostiene l?Intesa, influenzare negativamente i comportamenti dei soggetti più deboli nel contesto quotidiano della scuola, degli amici, ecc. e configurare i reati di istigazione a delinquere e corruzione di minori.

    Per questi motivi le 4 associazioni hanno chiesto con un esposto alla Procura della Repubblica di Roma e all?Antitrust il sequestro dal mercato di tutte le confezioni de GRAND THEFT AUTO: VICE CITY al fine di tutelare i minori di anni 18 dal pericolo recondito che si cela dietro un gioco immorale e filo-mafioso.
    Il Codacons inoltre assisterà i genitori di un ragazzo di Roma che hanno deciso di far causa a un negoziante di giochi per la PLAYSTATION II per aver venduto al figlio minorenne il gioco in questione, chiedendo al commerciante 2.500 euro di risarcimento danni.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox