4 Giugno 2014

Muzzarelli non si presenta all’ incontro con Codacons e Comitati

Muzzarelli non si presenta all’ incontro con Codacons e Comitati

«La città ha bisogno di ascolto, dialogo e risposte», recita il programma del candidato sindaco Giancarlo Muzzarelli (Pd) alla voce ‘Ascoltare e rispondere. Aria nuova per la democrazia’. Peccato però che poi, al di là delle promesse elettorali, quando si tratta davvero di aprire le orecchie e (soprattutto) la mente alle istanze di cittadini e comitati, l’ esponente dem preferisca non presentarsi. La dimostrazione si è avuta nella giornata di ieri quando l’ assessore regionale non ha accettato l’ invito a partecipare all’ incontro indetto al teatro Guiglia dal Codacons insieme ai numerosi comitati sorti in questi anni a Modena. Sul tavolo non c’ erano esattamente ‘questioni da poco’: presente e futuro della sanità, pedonalizzazione piazza Roma, chioschi di parco delle Rimembranze, piste ciclabili, sicurezza sulle strade, piano parcheggi. Se ne è parlato con serenità e tanta competenza, ma la sedia riservata a Muzzarelli è rimasta desolatamente vuota. Si è presentato invece il candidato che lo sfiderà al ballottaggio – Marco Bortolotti (M5s) -: ha ascoltato, preso appunti e ringraziato per l’ occasione di confronto e partecipazione. «Esserci era d’ obbligo – ha sottolineato -. La politica che vogliamo fare noi è questa, con i cittadini che si attivano per discutere delle questioni importanti della città. Noi vogliamo sostenere queste voci preziose. Il nostro intento sarà quello di costruire insieme i progetti, partendo da zero». Infine, una battuta su Muzzarelli: «Dispiace non si sia presentato. Sarebbe stato interessante, al di là dei comunicati stampa che magari invierà, confrontarci sui temi sollevati». E le questioni affrontate sono state davvero numerose e importanti. La premessa di Piero Blondi – membro del comitato dei cittadini, dei residenti e dei commercianti – è stata chiara: «L’ amministrazione Pighi è stata la peggiore degli ultimi 70 anni. La proliferazione dei comitati è la dimostrazione del fallimento. Ora è dunque indispensabile quella netta discontinuità che, a parole, tutti i candidati sindaci hanno riconosciuto doverosa. Aspettiamo i fatti». Su come deve diventare il centro ha affermato: «Si deve puntare su vivibilità, accessibilità e fruibilità. Esattamente quello che non è stato fatto fino ad ora». Coordinatore dell’ iniziativa è stato Fabio Galli (Codacons), che ha spie gato come obiettivo dell’ incontro fosse quello di ottenere dai candidati sindaci l’ impegno a parlare coi comitati delle questioni aperte. Impegno che si è assunto dunque solo Bortolotti. Cesare Bruno (Fials) ha parlato nel dettaglio degli scandali «che in questi mesi hanno sconvolto la sanità modenese», della unificazione «di Policlinico e Baggiovara», della presenza dell’ amianto «nelle strutture ospedaliere». Occorre che «il nuovo sindaco prenda posizioni chiare su quello che sta accadendo». Franco Piacentini (Associazione Vittime della Strada) ha poi puntato il dito «sulla difficile situazione di strada Scartazza», e in generale della viabilità modenese» che «deve essere notevolmente migliorata e resa più sicura». Come membro del comitato ‘Alluvionati Non Per Caso’ ha quindi chiesto «interventi risolutivi per evitare esondazioni di Secchia e Panaro». Giuliano Zanni (Comitato residenti del centro storico) ha sottolineato di «non opporsi in toto alla pedonalizzazione di Piazza Roma, ma va fatta con le necessarie alternative di parcheggio». Ritiene poi fondamentale la «revisione del piano sosta, che va a foraggiare l’ azienda privata ‘Modena parcheggi’: il contratto è da risolvere. Basti pensare che per 40 anni il Comune non sarà padrone delle politiche di gestione della sosta sul territorio: è inammissibile». In conclusione, Enrico Benini: «Diciamo no a chi vuole trasformare parco delle Rimembranze nella ‘Las Vegas del mangiare’. Chiedo a Bortolotti e alla sedia vuota di Muzzarelli un preciso impegno in tal senso. Toccherà a una seria e vera opposizione controllare la maggioranza in consiglio comunale».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox