3 Marzo 2016

MUTUI: SI RISCHIA EMERGENZA ABITATIVA NEI COMUNI. CODACONS CHIEDE INCONTRO URGENTE AD ANCI

MUTUI: SI RISCHIA EMERGENZA ABITATIVA NEI COMUNI. CODACONS CHIEDE INCONTRO URGENTE AD ANCI

RENZI
PEGGIO DI MUSSOLINI. VUOLE ABROGARE L’ART. 2744 DEL CODICE CIVILE CHE
DIFENDE I SOGGETTI DEBOLI E VIETA IL “PATTO COMMISSORIO”

La norma che consentirà alle banche di vendere le case dei cittadini dopo 7 rate di mutui non pagate rischia di scatenare una emergenza abitativa nei Comuni di tutta Italia, lasciando migliaia di cittadini senza alloggio. L’allarme arriva oggi dal Codacons, che ha inviato una lettera urgente all’Anci.
“Abbiamo chiesto al Presidente dell’associazione dei Comuni Italiani, Piero Fassino, un incontro urgente per affrontare il problema delle conseguenze per i comuni legate al recepimento della direttiva Ue 2014/17 – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Le modalità con cui il Governo intende introdurre la norma, infatti, rischiano di scatenare una nuova emergenza abitativa, specie in quelle aree dove il problema della casa è più sentito. Crediamo quindi che l’Anci debba prendere una posizione netta al riguardo, a tutela dei Comuni e dei cittadini”.
E dal Codacons arriva oggi un attacco durissimo al premier Matteo Renzi. “Sul fronte delle banche si sta comportando peggio di Mussolini – afferma Carlo Rienzi – Il suo Governo vuole infatti cancellare uno dei migliori articoli del Codice Civile, il 2744, che vieta il cosiddetto “patto commissorio” e cioè “il patto col quale si conviene che, in mancanza del pagamento del credito nel termine fissato, la proprietà della cosa ipotecata o data in pegno passi al creditore”. Una misura inserita nel Codice proprio a tutela di debitori e soggetti deboli, che rischia ora di essere cancellata con un colpo di spugna ad esclusivo vantaggio delle banche”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox