22 Novembre 2007

Mutui ai massimi da 5 anni e l`Antitrust boccia le banche

L`Abi: nella portabilità paghi chi subentra. No di Catricalà
Mutui ai massimi da 5 anni e l`Antitrust boccia le banche
Forti perplessità dei consumatori, solo l`Adiconsum promuove la raccomandazione

Mutui ai massimi da 5 anni. Il dato viene dall`Abi, che ha rilevato ad ottobre, un tasso medio per i prestiti immobiliari concessi alle famiglie del 5,71%. Un vero e proprio balzo in avanti se si pensa che a soltanto il mese prima, a settembre, era stata toccata quota 5,63%, mentre nell`ottobre del 2006 i tassi erano ancora fermi al 4,74% contro un minimo storico raggiunto nel luglio 2003 del 3,58%. Ma accanto ai record raggiunti ad ottobre si apre una spaccatura tra le associazioni dei consumatori sul tema dei costi della portabilità dei mutui. L`Abi avrebbe infatti “raccomandato“ agli associati di far pesare i costi delle operazioni di portabilità e rinegoziazione alla banca subentrante. Il presidente dell`associazione, Corrado Faissola, al termine della riunione del comitato esecutivo, ha precisato che l`Abi “emetterà una raccomandazione perché non può imporre niente ai propri associati, tanto più su un tema così peculiare per la concorrenza“. Secco però il commento del presidente dell`Antitrust Antonio Catricalà: “Non servono raccomandazioni – taglia corto – i principi espressi dalla legge sono chiari sull`assenza di costi sia diretti che indiretti“. La procedura già definita da Abi e dalle associazioni dei consumatori per quanto riguarda gli aspetti tecnico-procedurali, divide però il mondo del consumerismo. In pratica chi propone al cliente il trasferimento del mutuo dovrà sostenere i costi relativi alle penali per estinzione anticipata. Dalle associazioni dei consumatori arrivano giudizi contrastanti. Positivo quello di Antonio Longo, presidente del Movimento difesa del cittadino: “è una vittoria dell`unità delle associazioni che fin dall`inizio hanno interpretato la norma nel senso del costo zero per la portabilità dei mutui. Abbiamo tenuto duro di fronte alle obiezioni dell`Abi – continua Longo – e ora arriva il risultato positivo. Siamo sicuri che le banche non potranno sottrarsi a questa, che non è solo una raccomandazione all`unanimità dell`esecutivo Abi, ma anche una interpretazione condivisa da parte del ministero dello Sviluppo economico“. L`Adiconsum promuove la raccomandazione “che raccoglie la richiesta di osservare lo spirito della legge 40, che vuole l`assenza di costi a carico del consumatore“. Scetticismo invece da parte del Codacons: “Non vorremmo che questa sia una astuta manovra per frenare l`emendamento proposto dal Codacons e varato pochi giorni fa dalla commissione Finanze della Camera, e che impone l`assoluta gratuità del trasferimento dei mutui – afferma il presidente, Carlo Rienzi – se davvero l`associazione bancaria ha a cuore gli interessi degli utenti, allora lo dimostri sostenendo assieme a noi l`emendamento in questione“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox