23 Febbraio 2020

MUSICAL MARY POPPINS ANNULLATO: CODACONS PRESENTA ESPOSTO A PROCURA DI MILANO E ANTITRUST

     

    OLTRE 2000 SPETTATORI HANNO DATO PRE-ADESIONE A CLASS ACTION DELL’ASSOCIAZIONE

    IN ASSENZA DI RIMBORSI SCATTERA’ MAXI-CAUSA RISARCITORIA

    Il Codacons depositerà domani l’annunciato esposto alla Procura della Repubblica di Milano e all’Antitrust sul caso del musical “Mary Poppins” annullato a Milano, che vede coinvolti 20mila spettatori i quali rischiano di non ottenere alcun rimborso dei biglietti.
    “I comportamenti assunti dall’organizzatore in primis e dagli intermediari addetti alla vendita dei biglietti dello spettacolo potrebbero costituire una violazione ai diritti del consumatore, tra i quali certamente rientrano quelli ad una adeguata informazione e ad una corretta pubblicità, all’esercizio delle pratiche commerciali secondo principi di buona fede, correttezza e lealtà, nonché alla correttezza, alla trasparenza ed all’equità nei rapporti contrattuali – scrive il Codacons nell’esposto – Deve essere altresì considerato illecito per violazione dell’art. 20 del Codice del Consumo l’ostacolo posto dalle società che gestiscono lo spettacolo “Mary Poppins” all’esercizio del diritto al rimborso del prezzo del biglietto acquistato in occasione della cancellazione dell’evento. Infatti, a fronte della impossibilità della prestazione per cause addebitabili al professionista (come senza ombra di dubbio è avvenuto nel caso che ci occupa, stante la cancellazione dell’evento dovuta a impedimenti non meglio esplicitati e dipendenti dall’organizzazione dei promotori) non può sorgere dubbio sul diritto del consumatore a risolvere il contratto e a vedere restituito il corrispettivo versato”.
    “Sul profilo squisitamente penale, invece, potrebbero rinvenirsi in tale vicenda profili di rilevanza penale tali da richiedere l’intervento delle competenti autorità giurisdizionali. Si osserva infatti come le stesse parrebbero, almeno in astratto, integrare la fattispecie di cui all’art. 640 c.p. nelle caratteristiche declinate dalla giurisprudenza di legittimità in punto di truffa contrattuale e di appropriazione indebita ex art.646 c.p.” – si legge ancora nell’atto.
    L’associazione ha dunque chiesto a Procura della Repubblica e Antitrust di aprire, ognuna per gli ambiti di propria competenza, una indagine sulla vicenda e accertare eventuali pratiche commerciali scorrette e fattispecie penalmente rilevanti.
    Intanto il Codacons – unica associazione che sta portando avanti iniziative a livello legale sul caso del musical “Mary Poppins” – ha già ricevuto oltre 2000 pre-adesioni da parte di spettatori che hanno acquistato i biglietti dello spettacolo e che intendono partecipare all’azione risarcitoria dell’associazione che scatterà qualora TicketOne e Wec srl non dovessero accogliere le richieste di rimborso avanzate dal Codacons.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox