9 Gennaio 2018

Museo virtuale fa rinascere opere danneggiate dal terremoto

Un museo virtuale in 3D per valorizzare le opere d’ arte danneggiate dal terremoto e finanziarne il restauro. Il progetto, presentato ieri a Roma da Codacons e Ministero dei Beni Culturali, consiste nella realizzazione di una mostra ultra tecnologica ed itinerante in cui le opere d’ arte danneggiate potranno tornare a vivere e ad essere ammirate attraverso i più evoluti sistemi tecnologici presenti sul mercato, con l’ ausilio di fotocamere ad altissima risoluzione e sistemi di elaborazione digitale di ultima generazione, stampanti digitali ad alta risoluzione e monitor 3D autostereoscopici. Il museo virtuale, secondo quanto annunciato, consentirà di portare le opere in tutto il mondo e di avviare un’ importante raccolta fondi che, attraverso l’ Art Bonus, potrà finanziarne il recupero. Alla presentazione del progetto ha partecipato anche il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. I beni mobili recuperati dopo il terremoto in Umbria, Marche, Abruzzo e Lazio, è stato ricordato, sono oltre 30mila e rappresentano un’ importante fetta del patrimonio storico, artistico, archeologico e archivistico italiano. Molti di questi bene sono stati gravemente danneggiati e necessitano di ingenti fondi per il restauro. Così il Codacons ha presentato il progetto innovativo di recupero, che è stato approvato dal Ministero dei Beni culturali e regolato da uno specifico protocollo d’ intesa. Ila.Bo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox