12 Gennaio 2006

Multe identiche, sentenze opposte

“Ho fatto ricorso al giudice di pace per due identiche contravvenzioni che mi sono state elevate dai vigili di Modena all`incrocio fra via Emilia e viale Fabrizi. Un giudice ha guardato frettolosamente la documentazione ed ha respinto il ricorso. L`altro ha chiesto tempo per verificare sul posto quanto mi era stato contestato e poi ha accolto il ricorso“. S.R. di 59 anni, abitante a Casinalbo negli uffici modenesi del Codacons (che gli ha dato assistenza) racconta le sue peripezie di automobilista disabile, multato il 7 giugno e il 7 luglio 2004 mentre percorreva sulla sua auto munita di contrassegno per handicappati la corsia preferenziale sulla via Emilia, svoltando a destra per immettersi su viale Fabrizi.“Ho percorso per mesi questo tragitto ? dice S.R. ? e nessuno mi ha mai fatto la multa. Poi sono arrivate due contravvenzioni a distanza ravvicinata. Mi si contestava di essere passato con la lanterna rossa e di avere percorso abusivamente la corsia preferenziale. Un giudice mi ha dato ragione. L`altro no. Ora come devo comportarmi? Potrò ancora percorrere lo stesso tragitto, o arriveranno altre contravvenzioni?“. Interviene Fabio Galli, responsabile del Codacons di Modena: “Non possiamo rimanere in questa situazione di incertezza e di doppia interpretazione delle norme. Noi abbiamo presentato a entrambi i giudici di pace un decreto legge in cui si afferma che i disabili possono percorrere le corsie preferenziali dei bus. Stando così le cose, il nostro assistito aveva diritto di svoltare a destra come è consentito fare ai bus. La vicenda comunque non è finita qui. Abbiamo già pronto un esposto che presenteremo al Consiglio Superiore della Magistratura e al ministero di Grazia e Giustizia“. In concomitanza del primo giorno di blocco totale dei veicoli a Modena, Galli lancia alcuni strali sulla manovra: “Sarà un provvedimento inutile come quello delle targhe alterne. Il Codacons si prepara a mettere in campo un progetto che sta predisponendo. Intanto abbiamo chiesto alle amministrazioni comunali di farci sapere quanti dei mezzi del loro parco macchine è a norma, visto che il Comune tanto sollecita i cittadini alla rottamazione delle vecchie auto. Mettiamo la gente in condizioni di usufruire gratis dei mezzi pubblici. Creiamo una adeguata e moderna rete di bus. Se non faremo in questo modo, fra un anno o due saremo ancora alla ricerca di palliativi inutili per migliorare la qualità dell`aria“. Fabrio Galli è critico anche sul piano del traffico e sulle soste a pagamento: “E` una nuova strategia ? afferma ? per tassare i cittadini. Ancora una volta canoni, ticket e multe entreranno in vigore il prima possibile. I benefici mai“. Grazia Franchini – –>.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox