16 Gennaio 2002

Multe con autovelox. Il Giudice di Pace condanna il prefetto

Automobilista vince la causa

Multe con autovelox
Il Giudice di Pace condanna il prefetto

Il prefetto condannato dal Giudice di Pace per una infrazione elevata ad un`automobilista con il sistema dell`autovelox. A vincere questa singolare “causa“ è stato un iscritto del Codacons di Salerno il quale, tempo fa, si era visto recapitare a casa una multa presa con l`autovelox per un presunto eccesso di velocità. L`infrazione, però, non gli era stata contestata immediatamente dalla pattuglia che gliela aveva elevata. Da qui il ricorso dell`automobilista al Prefetto di salerno per chiedere la cancellazione della contravvenzione. Dal Palazzo di Governo, però, era arrivato il rifiuto al ricorso presentato dal cittadino. Nuovo round, questa volta, dinanzi al Giudice di Pace di Eboli che accoglieva l`istanza dell`automobilista. «La Corte di Cassazione – afferma l`avvocato Maria Cristina Rizzo, dell`Ufficio legale del Codacons Campania – ha costantemente ribadito che il verbale di contravvenzione è illegittimo e quindi annullabile se la violazione non viene contestata immediatamente al trasgressore, cosa che è stata ribadita anche dal Ministero dell`Interno, che uniformandosi all`interpretazione della norma contenuta negli articoli 200 e 201 del Codice della Strada, ha diramato la circolare numero 81 del 2 agosto 2000». Sulla base di questi pronunciamenti della Suprema Corte e della stessa circolare ministeriale, l`automobilista salernitano ha avuto ragione dinanzi al giudice di Pace. «Bene ha fatto quindi il Giudice di Pace di Eboli, dottor Francesco Rotunno – osserva l`avvocato Maria Cristina Rizzo – il quale, considerando motivato il ricorso per il nostro iscritto, gli dava ragione condannando anche il Prefetto al pagamento delle spese». I prefetti, insomma, per quanto riguarda l`autovelox, sono avvertiti…

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox