fbpx
19 Febbraio 2013

MPS: MINISTERO DELL’ECONOMIA DEPOSITA OGGI AL TAR I DOCUMENTI RICHIESTI, MA IN BUSTA SIGILLATA

MPS: MINISTERO DELL’ECONOMIA DEPOSITA OGGI AL TAR I DOCUMENTI RICHIESTI, MA IN BUSTA SIGILLATA

IL CODACONS NON RITIRERA’ COMUNQUE L’ESPOSTO IN PROCURA. DOCUMENTI DEPOSITATI IN RITARDO

 

 

Il Ministero dell’economia ha depositato oggi al Tar del Lazio i documenti richiesti dal Tribunale Amministrativo relativi al prestito a Mps. Ne dà notizia il Codacons, che proprio oggi ha presentato un esposto alle Procure di Roma e Siena per inottemperanza all’ordine del giudice.
I documenti – spiega l’associazione – sono stati però depositati dal Mef in busta rigorosamente sigillata.
In ogni caso, l’associazione non ritirerà l’esposto presentato alle due Procure, ritenendo ci siano gli estremi per una indagine da parte della magistratura circa il ritardo con cui l’ordine del Tar è stato eseguito e i documenti richiesti presentati. 

Ecco i documenti depositati oggi al Tar:

All.to 1 Decisione della commissione europea C(2012) 9669 final corr. del 17 dicembre 2012.
All.to.2 Nota n. 1077420/12 del 18 dicembre 2012 della Banca d’Italia con la quale è stato reso il parere favorevole sullo schema di decreto del Ministro dell’economia e delle finanze da adottarsi ai sensi dell’articolo 23-duodectes del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135 (di seguito d.l. 95/2012)
All.to 3 Decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 21 dicembre 2012 adottato ai sensi dell’articolo 23-duodectes del d.l. 95/2012.
All.to 4 Nota n.83595 del 27 dicembre 2012, con cui l’Ufficio centrale del Bilancio presso il Ministero dell’economia e delle finanze ha restituito il decreto ministeriale 21 dicembre 2012 ritenendolo non soggetto al controllo preventivo di regolarità amministrativa e contabile ai sensi dell’articolo 5 del decreto legislativo 30 giugno 2011, n. 123.
All.to 5 Decreto del Presidente dei Consiglio dei Ministri del 28 dicembre 2012, adottato ai sensi dell’articolo 23-undecies del d.l. 95/2012, comunicato alla Corte dei Conti in data 21 gennaio 2013 ai sensi della medesima disposizione, con cui sono state individuate le risorse necessarie (euro 2.000.000.000) per finanziare la sottoscrizione, da parte del Ministero dell’economia e delle finanze, dei Nuovo Strumenti Finanziari.
All.to 6 Nota n. 721 del 9 febbraio 2013 del Presidente del Consiglio dei Ministri con la quale è richiesta la sottoposizione al controllo preventivo di legittimità, ai sensi dell’articolo 3, primo comma, lettera 1, della legge 14 gennaio 1994, n. 20. Del DPCM, del 28 dicembre e del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare, recante approvazione della sottoscrizione dei Nuovi Strumenti Finanziari ai sensi dell’articolo 23-novies, comma 6, del d.l. 95/2012.
All.to 7 Riscontro dell’11 febbraio 2013 del Presidente della Corte dei Conti  alla nota del Presidente dei Consiglio dei Ministri.
All.to 8:
1)    Nota n. 1040067/12 del 6 dicembre 2012 della Banca d’Italia;
2)    Nota n. 90223/13 del 26 gennaio 2013 recante le valutazioni della Banca d’Italia ai sensi dell’articolo 23-novies, comma 2, del d.l. 95/2012;
3)    Nota n. 2251 del 9 febbraio 2013 del Ministro dell’economia e delle finanze;
4)    Nota in data 13 febbraio 2013 del Governatore della Banca d’Italia.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox