15 Novembre 2017

MPS: IN COMMISSIONE D’INCHIESTA CODACONS PUNTA IL DITO SU CONSOB E BANKITALIA

OGGI ASSOCIAZIONE ASCOLTATA SUL DISSESTO DELLA BANCA SENESE. CHIESTO DI PUNTARE FARO ANCHE SUI DUE ORGANI DI VIGILANZA

 

Durissimo attacco del Codacons a Consob e Bankitalia oggi nel corso dell’audizione presso la Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario dove l’associazione è stata convocata sul caso di Monte dei Paschi.
In particolare il Codacons ha portato all’attenzione della Commissione le responsabilità delle Autorità di Vigilanza in merito alla mala gestione di Mps ed il loro omesso intervento a controllo e tutela della legalità e trasparenza del sistema bancario e finanziario nonché dei numerosissimi risparmiatori che alla banca senese hanno affidato i loro patrimoni.
Dove erano la Banca d’Italia e la Consob negli anni della crisi Mps? – ha domandato il Codacons in audizione – Perché queste Autorità hanno permesso che si arrivasse agli aiuti di Stato, alle misure di ricapitalizzazione, agli aumenti di capitale, alle conversioni forzose dei titoli, alla sospensione del titolo in borsa? Perché non sono intervenute prima a tutela degli azionisti e dei risparmiatori? Eppure “i segnali” non sono certo mancati: il Codacons, sin dal 2013, aveva segnalato le criticità e le evidenti anomalie dei prospetti di bilancio, delle operazioni finanziarie, e due Organismi come Banca d’Italia e Consob, con i loro mezzi e i loro compiti istituzionali, non si sono accorti di nulla?
Attraverso un dossier che ricostruisce le carenze dei due organi di vigilanza, il Codacons ha chiesto alla Commissione parlamentare e al suo Presidente Casini di puntare il faro sulle responsabilità dei due enti che, con le loro omissioni, hanno contribuito a determinare ingenti perdite per migliaia di risparmiatori.

 

 

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox