1 Settembre 2020

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA: DOPO BUFERA SU SKYTG24 PER FOTO BAMBINA, CODACONS SCRIVE A SKY ITALIA

     

    CHIESTO INCONTRO PER AVVIARE CAMPAGNA CONTRO USO ILLECITO DI IMMAGINI DI MINORI SUL WEB E PEDOPORNOGRAFIA

    Dopo la bufera scoppiata sul caso della foto pubblicata da SkyTg24 per promuovere la Mostra del Cinema di Venezia 2020 e che ritrae una bambina in slip, il Codacons ha inviato oggi una lettera a Sky Italia chiedendo un incontro urgente volto a promuovere iniziative congiunte sul tema.
    Quello di Sky è stato senza dubbio un passo falso, sicuramente compiuto in buona fede, che tuttavia ha violato le norme nazionali e internazionali a tutela dei minori – spiega il Codacons – Un fenomeno, quello dell’uso illecito di immagini di minori, esploso anche sul web, dove influencer con milioni di follower pubblicano ogni giorno sui social network foto dei propri figli, spesso in pose o atteggiamenti inappropriati, ledendo la privacy e l’immagine dei bambini.
    Proprio in tal senso il Codacons ha chiesto con una lettera formale a Sky Italia un incontro urgente, volto a studiare iniziative per incrementare l’importantissima funzione educativa e di sensibilizzazione di media e tv, e avviare una campagna su tutto il territorio contro l’uso illecito delle immagini di minori su web e social network e pedopornografia, trasformando così l’incidente della Mostra del cinema di Venezia in una occasione per realizzare un progetto utile per la collettività.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox