13 Giugno 2014

MOSE, CLASS ACTION CON IL CODACONS PER CHIEDERE I DANNI

MOSE, CON “IN CODACONS – CLASS ACTION” PER
COSTITUIRSI COME PARTE OFFESA NEL PROCEDIMENTO
PENALE SUI CASI DI CORRUZIONE IN VENETO INTERVIENI
CON IL CODACONS E AGISCI SUBITO PER CHIEDERE I
DANNI

Il CODACONS organizza una azione di massa di tutti i cittadini

Italiani contro tutti coloro che, a vario titolo, potrebbero

essere ritenuti colpevoli di reati di corruzione

 

Questa azione è scaduta,
non è più possibile aderire

Settecentoundici pagine di ordinanza di custodia cautelare per l’inchiesta sulle tangenti del
Mose. Queste le accuse mosse dai pubblici ministeri Ancillotto, Buccini e Tonini e dal gip
Scaramuzza ai principali indagati: protagonista un vortice di milioni di euro che sarebbe stato
costruito (secondo la Procura) con i contributi delle imprese del Consorzio Venezia Nuova per
mettere al sicuro i lavori del Mose da verifiche e contestazioni di qualsiasi natura o finanziare i
politici coinvolti.

Imprenditori, manager e soprattutto amministratori e politici di primo piano. Dopo il caso Expo,
uno sviluppo clamoroso dell’inchiesta sugli appalti per il Mose ha sconvolto il nostro paese.
Tantissimi politici sono stati arrestati e alcuni si trovano attualmente in carcere, altri ai
domiciliari.

L’inchiesta è quella della Procura di Venezia che a febbraio aveva portato all’arresto dell’ex
amministratore delegato della Mantovani, una delle imprese impegnate nei lavori per la
costruzione delle barriere del Mose che dovranno proteggere Venezia da alte maree ed
allagamenti. Le accuse per gli indagati variano dai reati contabili e fiscali alla corruzione, dalla
concussione al finanziamento illecito.

Il danno economico da reato potrebbe essere ancora più
ingente nei confronti dei residenti veneziani.

Per tali ragioni, iscriviti e

AGISCI SUBITO CON IL CODACONS
COME PERSONA OFFESA NEL PROCEDIMENTO
PENALE PENDENTE DAVANTI ALLA PROCURA
DELLA REPUBBLICA DI VENEZIA

 

Con il servizio “IN CODACONS – CLASS ACTION” al costo di € 6,10 hai diritto a:

 

  • Iscrizione al Codacons, la più
    importante associazione di
    difesa dei diritti dei
    cittadini;

  • L’ invio sulla tua email
    DELL’ATTO DI NOMINA QUALE
    PERSONA OFFESA NEL
    PROCEDIMENTO PENALE, che
    potrai poi inviare alla Procura
    delle Repubblica di Venezia;

  • IL SUPPORTO DA PARTE
    DELL’ASSOCIAZIONE CHE
    INTERVIENE NEL
    PROCEDIMENTO IN QUALITA’
    DI ENTE RAPPRESENTATIVO
    DEGLI INTERESSI DEI CITTADINI
    COME DISPOSTO DALLA NOTA
    SENTENZA DELLA CORTE DI
    CASSAZIONE, n. 17351/2011,
    PER TUTTA LA FASE DELLE
    INDAGINI PRELIMINARI,
    FINALIZZATA AD ACCERTARE LA
    RESPONSABILITA’ DEGLI
    INDAGATI, E IN CASO DI
    RINVIO A GIUDIZIO
    L’OPPORTUNITA’ D I
    COSTITUIRSI PARTE CIVILE NEL
    PROCESSO PENALE AL FINE DI
    CHIEDERE UN RISARCIMENTO
    PER I CITTADINI NON
    INFERIORE A 5.000 EURO

    IL TERMINE PER ADERIRE ALL’AZIONE e’ IL 31 LUGLIO
    2014

    CLICCA QUI per partecipare all’azione.

     

    Questa azione è scaduta,
    non è più possibile aderire

     

     

    CHE SUCCEDE DOPO CHE TI ISCRIVI?

    Successivamente all’iscrizione, riceverai una email con tutte le relative istruzioni, l’atto giuridico
    completo da inviare alla Procura della Repubblica di Venezia e la domanda di iscrizione all’Associazione

    E’ importante per ogni successivo contatto indicare l’indirizzo e-mail ed il numero di telefono
    corretti.

    Ogni adesione pervenuta dopo la data di scadenza non sarà ritenuta valida e non verrà restituita la quota
    associativa versata.

    Una volta perfezionata l’adesione ogni successiva comunicazione avverrà esclusivamente attraverso email
    collettive indirizzate a tutti coloro che vi hanno preso parte nei tempi e nei modi indicati.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox