18 Aprile 2020

Morti e contagi alla Sacra Famiglia«Faremo esposto»

COCQUIO TREVISAGO «È ora che la Procura di Varese faccia luce sulle responsabilità di chi gestisce la struttura Sacra Famiglia e della Regione Lombardia. Per questo, presenteremo nei prossimi giorni un esposto». Da qualche tempo la notizia del focolaio di decessi e contagi da coronavirus nella struttura residenziale per disabili di Cocquio Trevisago era rimbalzata negli uffici del Codacons Lombardia e, ieri, il presidente regionale dell’ associazione dei consumatori, l’ avvocato milanese Marco Donzelli, ha rotto gli indugi e ha preannunciato l’ intenzione di voler chiamare in causa la magistratura «su una situazione che giudichiamo molto grave». A certificare la gravità e seguire il ragionamento del Codacons, i numeri: una mezza dozzina di decessi e oltre 63 ospiti e 35 operatori Covid positivi e sintomatici. «Quanto accaduto nella rsd di Cocquio e in moltissime rsa lombarde non può ritenersi un’ epidemia casuale, ma è una vera strage – ha incalzato Donzelli -. Anziani e persone invalide e non autosufficienti, i più fragili tra i fragili che avrebbero dovuto essere al sicuro, sono venuti a contatto col virus; così, i luoghi di assistenza si sono trasformati in pericolosi focolai. La Procura indaghi, perché le famiglie devono avere una risposta per quello che è successo». Luca Testoni.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox