23 Agosto 2013

MORTA NEL SILENZIO DELLA CITTA’

MORTA NEL SILENZIO DELLA CITTA’

Se n’ è andata in punta di piedi, in silenzio, in una città che l’ aveva già dimenticata. E’ morta per una catenina d’ oro di pochi euro, che per lei, però, valeva molto, ma molto di più: il ricordo del marito defunto. A 75 anni si era trovata davanti un balordo scippatore, cadendo a terra e finendo in ospedale in coma. Ora la morte della signora scippata a due passi da via Vagliasindi due settimane fa, oltre a suscitare dolore per la perdita così assurda di una vita umana, ripropone il dramma dell’ indifferenza in una città che sembra ormai essersi fin troppo abituata ad episodi così cruenti contro i più deboli. Lo avevamo scritto pochi giorni dopo quel triste episodio: avevamo notato il silenzio della città, eccetto la solidarietà dell’ amministrazione, attraverso la visita dell’ assessore Scialfa e l’ appello del Codacons per avere più sicurezza. Per questo avevamo esortato Catania a considerare la povera signora come la madre di tutti noi, per capire il dolore della famiglia, ma soprattutto per chiedere una reazione unita della società contro il dilagare della criminalità e il diffondersi della rassegnazione. Oggi è arrivato il triste epilogo della vicenda che suona come una sonora sconfitta per la città intera, purtroppo rimasta in silenzio.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox