13 Settembre 2010

MISS ITALIA: IL CODACONS CHIEDE DI MOSTRARE OGGI IN TV IL CERTIFICATO DI NASCITA DELLA RAGAZZA ACCUSATA DI ESSERE UN TRANS

     
    GOSSIP DI BASSO LIVELLO RISCHIA DI FAVORIRE LA CONCORRENTE DANNEGGIANDO LE ALTRE MISS

     
     
    In merito alle polemiche sollevate da alcune fonti e relative al presunto cambio di sesso di una ragazza che partecipa al concorso di Miss Italia, il Codacons e l’Associazione Utenti Radiotelevisivi rivolgono oggi un appello a Patrizia Mirigliani, al fine di mettere la parola fine alla vicenda.
    “Se vi sono tutti questi dubbi sul sesso della miss, sarebbe bene mostrare stasera in diretta tv il certificato di nascita della ragazza, così da chiudere definitivamente la questione – spiega il Codacons – Il pettegolezzo di basso livello sul presunto stato di transessuale rischia di avvantaggiare ingiustamente la concorrente sotto il profilo pubblicitario, danneggiando tutte le altre ragazze in gara e violando le regole del concorso, in quanto non si garantisce la dovuta par condicio tra le miss”.
    Ma Codacons e Associazione Utenti Radiotelevisivi sollevano oggi anche un’altra questione. “Basta chiamare continuamente “Principe” il sig. Emanuele Filiberto – tuonano le due organizzazioni – La Costituzione Italiana non riconosce più alcun titolo nobiliare! Ci appelliamo al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano affinché intervenga stigmatizzando il continuo uso del termine “Principe” all’interno delle trasmissioni Rai, a partire proprio da Miss Italia”.
     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox