10 Maggio 2007

Mille euro per Barbra Streisand è record per un concerto in Italia

In vendita a tariffe iperboliche i biglietti per lo stadio Flaminio di Roma il 15 giugno

Mille euro per Barbra Streisand è record per un concerto in Italia

ROMA – La prova di volontà grazie alla quale ha superato la paura di volare le sarà ampiamente ripagata. E non solo dall`affetto dei suoi fan. Barbra Streisand torna in Europa dopo tredici anni con un tour che partirà il 15 giugno dallo stadio Flaminio di Roma e che passerà alla storia come il più costoso di tutti i tempi. Fino a ieri la Streisand era conosciuta come la cantante che aveva venduto più dischi, ora sarà ricordata anche per i biglietti più esosi: fino a 850 euro per un posto in platea al Flaminio (che con le usuali prevendite al 15% arriverebbero a 980 euro), 260 euro per la tribuna, 135 euro il prezzo minimo per la curva. è vero che la Streisand, che arriva per la prima volta in Italia, ha voluto subito annunciare di voler devolvere parte dell`incasso alla sua fondazione benefica, ma cosa ci sarà mai in questo spettacolo per giustificare prezzi tanto alti? Quali trovate tecnologiche verranno offerte a Roma e poi a Vienna, Parigi (a Bercy i biglietti costano un po` meno, tra i 155 e i 582 euro), a Nizza, a Dublino, fino ai due concerti già tutto esaurito al Millennium Dome di Londra con biglietti peraltro anche più cari di quelli italiani, ovvero tra i 250 e i 900 euro? Sul palco ci sarà un`orchestra di 58 elementi che la accompagnerà nei successi di sempre, da “The Way We Were“ a “Evergreen“, da “Funny girl“ a “Don`t Rain On My Parade“: “Sarà per me una gioia esibirmi in questi paesi per la prima volta“ ha detto la Streisand. “Non vedo l`ora di essere davanti a fan di culture così diverse“. In America il suo tour dello scorso autunno ha superato ogni record di incasso, anche grazie ai biglietti a 750 dollari. Per sapere quanto costa portare in Italia un concerto della Streisand proviamo a chiederlo all`organizzatore dell`unico show italiano, Roberto De Luca, che con la sua Milano Concerti è parte della multinazionale Live Nation. In questo caso, però, De Luca non ha agito da produttore: “Lavoro per loro conto, dunque non ho prodotto lo spettacolo né tantomeno ho trattato il compenso per l`artista. Ho preso il concerto chiavi in mano dal management della Streisand ma ho consigliato di abbassare un po` il livello dei prezzi, che erano più alti, riuscendoci. è vero, non è un concerto a prezzi popolari ma non credo che interessi il quindicenne o chi frequenta i centri sociali. Del resto quanto costa una prima alla Scala? E una prima fila al Gran Premio di Formula Uno?“. Esiste per lei, nel caso del concerto della Streisand, un rischio d`impresa? “Nessuno, per quanto mi riguarda: il mio guadagno si vedrà a fine serata, quando si faranno i conti“. Ieri, contro il prezzo dei concerti dell`estate, si è espresso il Codacons: “Sono prezzi folli“ ha detto il presidente Carlo Rienzi. “Chiediamo ai Comuni che ospitano i concerti di spingere sugli organizzatori e sugli artisti per ridurre sensibilmente il costo dei biglietti“. De Luca si dice contrario: “Le nostre sono imprese che non ricevono contributi. Ma sarei contrario anche alle sovvenzioni: il Fus ha fatto danni, basta vedere le condizioni in cui versano i teatri lirici“. Per chi non si potrà permettere il concerto romano della Streisand, il 25 maggio uscirà il doppio Live in concert 2006 che testimonia il tour americano.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox