1 Giugno 2010

MILANO: ANCORA TRAVOLTI SULLE STRISCE

    IL CODACONS CHIEDE IL LIMITE DI 30 KM/H IN CITTA’

    I VANTAGGI DI ANDARE PIANO

    Milano. Ancora una volta dei pedoni sono stati investiti mentre attraversavano sulle strisce pedonali. Il Codacons chiede al Comune di Milano di rendere obbligatorio il limite di 30 km/h.
    “Considerato che in una città intasata di macchine come Milano, piena di semafori, con continui stop and go, si viaggia con una velocità media di 22 km/h, ma che nelle ore di punta, si può scendere anche a 10 km/h, il limite di 30 renderebbe solamente più fluido il traffico e ridurrebbe il numero degli incidenti. Inutile, insomma, accelerare per poi fare subito dopo brusche frenate. Si consuma solo più carburante e non si guadagna nulla in termini di tempo” ha dichiarato il presidente del Codacons, Marco Donzelli.
    L’associazione di consumatori ricorda che in città, tra un semaforo e l’altro, è dimostrato che andando forte non si recupera praticamente nulla. Quelli dietro, pian pianino, vi raggiungeranno. Una guida morbida, non tirare le marce, accelerare senza strappi, cercare di viaggiare ad una velocità regolare e costante consente di ridurre il consumo di carburante di almeno 10%, con punte che possono arrivare, però, anche al 25%. Inoltre, al di là dell’aspetto economico, se tutti viaggiassero con un’andatura più dolce e regolare si avrebbero anche altri vantaggi:
    – minore inquinamento da polveri sottili
    – riduzione inquinamento acustico
    – diminuzione degli incidenti
    – meno stress nella guida
    – meno sollecitazioni e usura per motore, freni, pneumatici….
    – riduzione dei tempi di percorrenza per i mezzi pubblici
    – attraversamenti pedonali meno a rischio

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox