29 Novembre 2001

Metro ferma…e i tassisti alzano i prezzi!

IL DISSERVIZIO

E ieri mattina la metropolitana si è fermata ancora. Un disagio che, per ore e in alcuni tratti della linea A, ha coinvolto ancora una volta migliaia di romani. Un disagio che si ripete a distanza di appena tre giorni: lunedì scorso la linea A è rimasta ferma per sette ore.
In un chiaro comunicato di dieci righe la società Met.Ro ha spiegato che «dalle 5,30 alle 6,30 la linea A ha subito una sospensione del servizio da Lepanto ad Anagnina, in un solo senso di marcia, mentre era regolare sul resto della linea e tra Anagnina e Lepanto. Il disservizio è stato causato dal trasferimento del treno in avaria ricoverato tre giorni fa al tronchetto di Termini. Il treno è così stato trasportato fino al deposito di Osteria del Curato.
Dalle 6,30 alle 8,40 il servizio è stato interrotto da San Giovanni ad Anagnina in un solo senso di marcia, mentre era rallentato tra Anagnina e San Giovanni, e regolare sul resto della linea». Un disagio che, come lunedì scorso, la Trambus ha cercato di alleviare mettendo su strada «un servizio sostitutivo di autobus e navette». Autobus sempre comunque insufficienti.

Il Codacons «dopo l?ennesimo guasto che si rivela vantaggioso solo per i tassisti», scrive al sindaco Walter Vetroni per chiedergli di effettuare controlli e verificare la licenza di quei tassisti che approfittano dei guasti della metropolitana per alzare i prezzi delle corse». L?associazione dei consumatori si riferisce all?episodio in cui «un tassista ha chiesto a una signora 120 mila lire per andare dalla stazione Termini a Cinecittà».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox