26 Marzo 2019

METRO CHIUSE: CODACONS DENUNCIA ATAC PER INADEMPIMENTO CONTRATTUALE

 

CONTRATTO DI TRASPORTO PREVEDE PRESTAZIONI CORRISPETTIVE MA AZIENDA NON STA RISPETTANDO I SUOI DOVERI

ATAC RICONOSCA RIMBORSI A TUTTI GLI ABBONATI O RISCHIA DI ESSERE INDAGATA PER TRUFFA AGGRAVATA

Il Codacons ha depositato alla Procura della Repubblica di Roma l’annunciato esposto contro Atac in relazione alle chiusure delle stazioni Repubblica, Spagna e Barberini. Una vicenda gravissima che sta arrecando un danno di immagine immenso alla capitale e disagi enormi ai cittadini, e che configura una vera e propria inadempienza contrattuale da parte dell’azienda.
Si legge nell’esposto presentato dal Codacons:
la responsabilità di Atac s.p.a. nei confronti del passeggero ha natura contrattuale, in quanto l’acquisto del biglietto o dell’abbonamento determina la nascita di un rapporto contrattuale, poiché quest’ultimo configura il prezzo pubblico per l’utilizzazione del servizio. In tale relazione contrattuale l’utente si obbliga a pagare il prezzo per l’utilizzo del servizio e Atac si impegna ad eseguire la controprestazione. Nel caso in cui la prestazione oggetto del contratto di viaggio non venga seguita l’utente ha, quindi, diritto a vedersi riconosciuto il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale. Pertanto il rapporto tra utente e Atac s.p.a è regolato dalle norme del contratto di trasporto, un negozio giuridico di natura sinallagmatica che si colloca tra le obbligazioni a prestazioni corrispettive: per il viaggiatore si perfeziona nel momento in cui acquista il biglietto, mentre per il vettore solo nel momento in cui giunge a destinazione. Alla luce di quanto evidenziato e alla natura contrattuale ed extracontrattuale del rapporto che lega gli utenti che hanno acquistato un biglietto o un abbonamento per l’utilizzo del servizio pubblico di trasporto locale della metropolitana, nel caso di specie si è in presenza di una responsabilità di ATAC S.p.a per inadempimento contrattuale e extracontrattuale”.
Per tale motivo il Codacons ha presentato un esposto alla Procura chiedendo di estendere le indagini per le possibili fattispecie di Interruzione di pubblico servizio e Truffa aggravata, in relazione alla spesa sostenuta da tutti coloro che acquistano abbonamenti mensili e annuali, i quali si vedono privati del servizio regolarmente pagato.
Se proseguirà la chiusura delle 3 stazioni e se l’azienda non disporrà rimborsi in favore degli abbonati, sarà inevitabile una azione collettiva del Codacons contro Atac a tutela di tutti gli utenti della Metro A.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox