fbpx
13 Giugno 2019

Meteo pazzo e crisi: i capi estivi non si vendono I saldi scattano in anticipo

 

Negli ultimi mesi Torino è stata caratterizzata da piogge frequenti, tempo instabile, e anche le previsioni meteo dei prossimi giorni invitano a non recarsi al Valentino per prendere un po’ di sole. Si potrebbe pensare che il maltempo abbia favorito lo shopping, spingendo i torinesi a consolarsi con gli acquisti, ma è accaduto esattamente il contrario. «Questo tempo non ha favorito nessuno, ha spento ogni entusiasmo, generato apatia e poca voglia di uscire» spiega la signora Sabatino, proprietaria della bottega “The Conte”. Una crisi che ha toccato tutti i negozi, da quelli indipendenti alle distribuzioni organizzate, e ogni prodotto, dai vestiti per ragazzi agli abiti di lusso, in particolar modo quelli estivi. La maggior parte delle attività mostra segnali di sofferenza e ancora non è riuscita, nonostante diversi tentativi, a correre ai ripari. «Siamo stati costretti ad anticipare i saldi – racconta Giulia L. del negozio “Shock” -i risultati sono positivi ma non abbastanza per risollevare le vendite. E poi, con la pioggia, c’ è poca voglia di acquistare vestiti estivi», lamenta la commessa. Come conseguenza di questa situazione ecco la guerra al ribasso. «Oltre ad aver anticipato le offerte siamo già arrivati al 50% di sconto sul materiale estivo per invogliare la gente a comprare, di più non possiamo fare» ammette Giulia M. di “Angel”. Non tutti però sono disposti a svendere la propria merce, questo è il caso di Roberto E. di “Camicie e oltre”: «Il calo è evidente e ne abbiamo risentito parecchio, però abbiamo deciso di non ricorrere agli sconti altrimenti falliamo». Secondo il Codacons il comparto dei beni di consumi soffre una forte riduzione delle vendite. Il calo mensile, da inizio anno, è stimato intorno allo 0,5%, ma ha raggiunto il picco (-3,4%) nell’ ultimo mese. C’ è anche chi ha già tentato questa soluzione, ma non è servito. «Cerchiamo di proporre sempre delle offerte ai clienti – racconta Alessio Cammarata di UomoTorino – ci si deve difendere in qualche modo dai competitor. Ma qua in via Garibaldi la concorrenza è spietata – continua il ragazzo – e se a questo ci aggiungiamo i titani virtuali come Amazon ecco il quadro della situazione». «L’ acqua di maggio fa belle le donne e ricco il contadino» recita un proverbio italiano, un po’ meno i commercianti di abiti estivi che sperano che la primavera lasci finalmente spazio all’ estate.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox