28 Novembre 2013

Mazzoni risponde dal suo “esilio”

Mazzoni risponde dal suo “esilio”

JOLANDA DI SAVOIA. Da circa 10 mesi – da quell’ 1 febbraio scorso in cui fece perdere le proprie tracce, non si hanno più notizie di Raffaele Mazzoni, l’ ex broker 53enne fuggito assieme ai familiari e andato in una località segreta non lontana da Ferrara dalla quale incontra i finanzieri. Le poche notizie sono quelle che filtrano – in maniera assolutamente ufficiosa – dagli uffici delle forze dell’ ordine. La guardia di finanza, che per conto della Procura, sta svolgendo le indagini, sta interrogando l’ ex broker al ritmo di un incontro a settimana. Non c’ è l’ ufficialità, chiaramente. Ma l’ ipotesi più verosimile è che questi interrogatori avvengano fuori Ferrara. Mazzoni ha chiesto di essere protetto e teme per la sua incolumità. In cambio sta aiutando in maniera importantissima e forse decisiva gli inquirenti nel ricostruire la vicenda e nel dipanare una matassa – quella delle oltre 150 persone truffate – che appare ancora molto intricata. Un caso che qui a Jolanda fece – e sta facendo – molto discutere: al teatro Cazzanti si è svolta anche un’ assemblea infuocata alla presenza di numerosi truffati (tra cui addirittura alcuni parenti di Mazzoni), dell’ avvocato Bruno Barbieri del Codacons e di tanti cittadini e curiosi. (m.puli.)

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox