19 Maggio 2004

Mazzata ai portoghesi della sosta all`ospedale

Tavolo di concertazione per trovare una cura al bubbone del caos Il Comune realizzerà la bretella di accesso L`azienda e l`Università ricaveranno nuovi spazi per il parcheggio. E corse di bus navetta ad hoc

Zona residenti nelle vie adiacenti: addio posto gratis

Mazzata ai portoghesi della sosta all`ospedale



Il Comune esporta a Torrette la sosta residenti. Tentativo anti-ingorghi. La Zr è uno dei provvedimenti varati dal tavolo di concertazione composto dal Comune, rappresentato dal sindaco Sturani, dagli Ospedali Riuniti, con il direttore Paolo Menichetti, dall`Università e dalla Conerobus. Tavolo approvato dall`assessore regionale alla sanità Augusto Melappioni. Durante il confronto, iniziato lunedì in Comune e proseguito ieri a distanza, sono stati valutati i risultati del primo periodo d`attuazione della regolamentazione introdotta dall`azienda ospedaliera per le aree di sosta interne.

Riscontrati gli effetti positivi che hanno determinato una certezza per un posto gratuito soprattutto per le categorie più deboli (dializzati, disabili, terapie protratte e per i familiari di pazienti con necessità di assistenza continuativa). Valutato anche l`effetto domino sui parcheggi esterni, si è convenuto sulla necessità di provvedimenti urgenti. Sul punto, come auspicato da Sturani, ognuno s`è impegnato ad ampliare le proprie strutture. Il Comune introdurrà, nelle vie immediatamente adiacenti al nosocomio, zone di sosta riservate ai residenti. Contro chi cerca un posto gratuito ad ogni costo. Inoltre realizzerà tempestivamente la bretella d`accesso all`ospedale a monte. E pure un impianto semaforico all`incrocio tra via Conca e l`ingresso dell`ospedale, per impedire il formarsi di code in mezzo all`abitato di Torrette e per consentire più agevolmente l`uscita verso sinistra dall`ospedale. Presto sarà sistemato un parcheggio orario nello spazio antistante il centro commerciale di via Conca ed il Comune punterà ad acquisire l`area per un nuovo parcheggio nella zona compresa tra via Conca e via Metauro, curando la progettazione e procedendo in accordo con la Regione alla verifica delle possibili fonti di finanziamento. Nella zona sarà anche assicurata una costante vigilanza municipale. Da par suo l`azienda ospedaliero-universitaria provvederà a realizzare nuovi spazi di sosta nell`area dell`ex depuratore, ad invertire l`attuale assetto delle corsie di accesso all`ospedale (riservando ai mezzi di soccorso la corsia di sinistra) e ad invertire la destinazione delle zone di sosta A e C. Nell`area A potranno accedere – con badge – dipendenti ed autorizzati (anche per lunga assistenza di ricoverati), mentre nella zona C si accederà a pagamento. L`inversione consentirà di realizzare un`entrata più ampia alle zone di sosta a pagamento, e di diminuire la distanza tra le zone medesime e la cassa. L`Università procederà a reperire nuovi spazi di sosta all`interno dell`area di Torrette (zona antistante la Facoltà di Medicina), nonché ad introdurre una regolamentazione con badge per l`accesso alle proprie aree di parcheggio su via Tronto, disimpegnando la viabilità. La Conerobus valuterà possibili miglioramenti e innovazioni al sistema di trasporto pubblico, comprese eventuali corse-navetta dedicate. La mole di novità non placa però l`ondata di polemiche. Il Codacons, con il presidente Carlo Rienzi, teme che “a farne le spese siano gli utenti“. E propone parcheggio gratis per i pazienti dei degenti e a pagamento per i dipendenti dell`ospedale. Pressante anche l`azione di An e questa mattina alle 12 una delegazione, guidata dal consigliere comunale Marco Gnocchini, sarà ricevuta dal Prefetto cui saranno consegnate le 1200 milleduecento firme raccolte sabato scorso nel corso della manifestazione di protesta.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox