24 Novembre 2012

Maxiconcorsi all’ Ergife Il Tar boccia Alemanno

Maxiconcorsi all’ Ergife Il Tar boccia Alemanno

 

Folla al concorso di Medicina Le ragioni del traffico e quelle degli albergatori che ospitano maxiconcorsi. In mezzo c’ è il Tar Lazio che ha annullato l’ ordinanza con la quale il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in qualità di Commissario all’ emergenza traffico, nel maggio scorso aveva stabilito che i concorsi con più di 3 mila partecipanti dovessero essere svolti fuori del Grande Raccordo Anulare. Una scelta dettata dal caos ai limiti del surreale, lo scorso aprile, per la partecipazione di 8 mila candidati ai test di Medicina dell’ Università Cattolica svolti all’ Ergife hotel. Il traffico sull’ Aurelia andò completamente in tilt: automobilisti imbottigliati in 22 chilometri di coda, clacson esasperati fino a Fregene. Il sindaco valutò i pro e i contro e poi, per scongiurare il replay di un simile disagio, firmò l’ ordinanza contro i maxiconcorsi all’ interno del Grande raccordo anulare. Ma l’ Ergife Polo Congressuale ha presentato ricorso e l’ ha vinto. Non solo, il Comune dovrà pure sborsare 4 mila euro per le spese giudiziarie. Alemanno però non si dà per vinto: «Ricorreremo al Consiglio di Stato. Per ottenere giustizia e prima ancora perché venga sospesa la sentenza del Tar». Come alleato il Comune ha già dalla sua l’ associazione dei consumatori. Il presidente del Codacons Carlo Rienzi annuncia: «Interverremo al Consiglio di Stato accanto al Comune di Roma, chiedendo di rivedere la sentenza del Tar e riconoscere la legittimità delle disposizioni del sindaco, poiché riteniamo che la tutela della collettività e della città venga prima degli interessi economici dei singoli».

roma [g.lon.]

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox