20 Agosto 2007

MATTEL: INCHIESTE TORINO E VERBANIA, SI PUNTA ALL`ESTERO

MATTEL: INCHIESTE TORINO E VERBANIA, SI PUNTA ALL`ESTERO

Punta verso l`estero l`inchiesta

della procura di Verbania sulla diffusione nel mercato italiano

di giocattoli della Mattel potenzialmente tossici, mentre i

magistrati di Torino hanno individuato le figure da iscrivere

nel registro degli indagati.

La guardia di finanza, dopo aver messo sotto sequestro – su

mandato dei pm verbanesi – i 75 mila esemplari custoditi nello

stabilimento di Oleggio Castello (Novara), stanno ricostruendo

la catena aziendale del colosso multinazionale americano. Uno

degli obiettivi è chiarire gli aspetti legati all`apposizione

sui prodotti del marchio CE, che certifica la corrispondenza dei

giocattoli ai parametri dell`Unione Europea. Quasi certamente il

“bollino“ non è italiano, visto che il ministero per lo

sviluppo economico ha ordinato il riesame dei campioni

sequestrati a Oleggio.

Il Codacons, intanto, ha chiesto al procuratore aggiunto

torinese Raffaele Guariniello di “estendere l`indagine a tutti

i prodotti provenienti dalla Cina, con particolare attenzione

verso quelli verniciati“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox