23 Gennaio 2019

Mastercard, stangata da 570 milioni

Stangata Ue su Mastercard, scontata del 10% perché la società ha ammesso le «colpe» e ha collaborato. Dovrà pagare alla Ue una multa da 570 milioni di euro per aver limitato la possibilità per i commercianti di beneficiare di migliori condizioni offerte dalle banche di altre zone del mercato unico, violando le regole europee della concorrenza. «I consumatori Ue usano ogni giorno carte di pagamento. Impedendo ai commercianti di guardarsi intorno per cercare migliori condizioni offerte da banche in altri Stati membri, le regole di Mastercard aumentano artificialmente i costi delle carte di pagamento, danneggiando i consumatori e i commercianti», ha detto il commissario alla concorrenza Margrethe Vestager. Nel mirino della Ue erano finite nel 2013 le «tariffe interbancarie» che applicava Mastercard, cioè quei costi «nascosti» ai consumatori, perché sono quelli che la banca del consumatore applica alla banca del commerciante quando autorizza una transazione con carta. In genere vengono poi «scaricati direttamente sul consumatore finale», spiega il presidente di Codacons Carlo Rienzi. Le regole di Mastercard obbligavano le banche degli acquirenti ad applicare le tariffe interbancarie del Paese dove risiedeva il commerciante. Col risultato che i commercianti nei Paesi dove queste tariffe (diverse da Stato a Stato) erano più alte, non potevano beneficiare di quelle minori offerte dalla banca dell’ acquirente situata in un altro Stato. Bruxelles ritiene che queste regole impediscano la concorrenza tra banche transnazionali e ha deciso di multare Mastercard. Il Codacons si dice soddisfatto, perché il comportamento della società «ha determinato un danno non solo per i commercianti, ma anche e soprattutto per i consumatori», ha detto Rienzi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox