3 Ottobre 2020

Mascherine all’ aperto “Dobbiamo imporle per evitare il lockdown”

di Cecilia Gentile Da oggi in tutto il Lazio è obbligatorio portare le mascherine h24 anche all’ aperto. Il governatore Nicola Zingaretti ha firmato l’ ordinanza che già da alcuni giorni era nell’ aria, visto il moltiplicarsi dei contagi, ma soprattutto visto l’ aumento del valore Rt, che indica la capacità di diffusione del Covid. La nostra regione è passata dallo 0,54 di due settimane fa allo 0,85 della settimana scorsa, al pericoloso 1,09 di questa settimana. Una crescita strettamente legata ai casi in salita. Nelle ultime 24 ore, su 12 mila tamponi effettuati, sono emersi 264 nuovi contagiati, di questi 115 a Roma. Cinque i morti e 55 i guariti. Adesso nel Lazio ci sono 7.547 malati di Covid, 678 ricoverati, 49 in terapia intensiva. Insieme all’ obbligo delle mascherine partiranno nelle scuole materne, elementari e medie i test salivari, meno invasivi dei tamponi nasali che si continuano a eseguire alle superiori. Terza misura, i vaccini antinfluenzali, che Zingaretti avrebbe voluto obbligatori per gli over 65 con l’ ordinanza del 30 aprile scorso, ordinanza però appena annullata dal Tar, su ricorso del Codacons, che adesso si avvia anche a impugnare l’ obbligo della mascherina. La Regione deve fronteggiare anche un altro attacco, quello dell’ Ordine dei medici, contrari alla possibilità, prevista tra le nuove misure, di sottoporsi al vaccino antinfluenzale nelle farmacie, alle quali sono destinate 100mila dosi, le prime 20mila entro il 15 ottobre. MASCHERINE Da oggi devono portarla tutti. Sono esentate solo tre categorie: i bambini al di sotto dei sei anni, le persone affette da patologie incompatibili con la mascherina, chi è impegnato in attività motoria, esercizio fisico e sportivo. « Le disposizioni nazionali avevano già reso obbligatoria la mascherina dalle 18, ora lo sarà 24 ore su 24 – spiega Zingaretti – Prendiamo questo provvedimento per evitare di prenderne altri più invasivi, ma raccomando agli esercizi commerciali e ai ristoranti di ripristinare il rispetto delle regole » . E sulle mascherine: « Abbassarle per parlare con gli altri è da stupidi». VACCINI ANTINFLUENZALI Eliminata dal Tar l’ obbligatorietà per gli over 65, Zingaretti si appella al governo perché intervenga a livello nazionale. Per gli over 60 e per i bambini dai 6 mesi ai 6 anni il vaccino è gratuito, perché si tratta delle fasce di età più a rischio, ma è fortemente raccomandato per tutti. «Fare il vaccino antinfluenzale è un impegno civico – scandisce il governatore – per evitare ricoveri inappropriati negli ospedali, che devono rimanere liberi per il Covid, e per avere dai primi sintomi la consapevolezza che si tratta di coronavirus, come è successo a me, che avevo fatto il vaccino » . « Siamo la prima regione italiana per approvvigionamento – sottolinea l’ assessore alla Sanità Alessio D’ Amato – abbiamo fatto le gare in tempo e abbiamo acquistato 2 milioni e 400 mila dosi di vaccino, un milione di dosi sono già state distribuite. La novità è che quest’ anno 100mila dosi verranno distribuite nelle farmacie, le prime 20mila entro il 15 ottobre, che, avendo i requisiti, potranno anche procedere alla somministrazione. Finora si sono dichiarate disponibili 400 farmacie » . « A questo punto potremmo anche farli nei supermercati», ribatte provocatoriamente il presidente dell’ ordine dei medici di Roma, Antonio Magi. TAMPONI SALIVARI Si inizia martedì con due istituti comprensivi: il Crivelli a Roma e l’ istituto comprensivo di Maccarese nel comune di Fiumicino. I tamponi andranno processati al San Camillo. In caso di positività lo stesso tampone è utilizzabile per l’ indagine molecolare dallo Spallanzani. Entro la stessa giornata verranno comunicati gli esiti. Attenzione alle scuole Ingressi e uscite delle scuole saranno tra i luoghi più attenzionati dalle forze dell’ ordine che da oggi, su disposizione della Prefettura, aumenteranno i controlli per verificare il rispetto dell’ ordinanza sull’ uso delle mascherine ovunque h 24. Intanto cresce la preoccupazione proprio per le scuole: finora nel Lazio, dalla riapertura del 14 settembre, si sono verificati casi in 100 istituti: 290 gli studenti trovati positivi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox