31 Luglio 2001

Mare spazzatura…

Anna Bartolini: «Io, paladina dei consumatori, vi spiego come ottenere giustizia»

Di fronte ad un «mare» di spazzatura (questa volta non in senso metaforico) i bagnanti possono difendersi, esercitando un diritto di rivalsa sui gestori degli stabilimenti?

Le disavventure dei turisti a Maronti hanno sollevato una complessa questione.
Secondo la legale del Codacons, Emanuela Sorrentino, potrebbero essere gli stessi gestori a chiedere un risarcimento al Comune, qualora l?amministrazione non avesse adottato tutte le misure necessarie per prevenire l?inquinamento.

Intanto sul caso si pronuncia la giornalista Anna Bartolini, da anni impegnata sul fronte della difesa dei consumatori, come presidente del Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti (Cncu) e membro del Consiglio direttivo nel Dialogo transatlantico dei consumatori (Tacd).


In caso di inquinamento delle coste, i bagnanti che usufruiscono degli stabilimenti possono essere risarciti?


«Innanzitutto bisogna interpellare l?Asl competente e vedere come si pronuncia sul caso specifico. In particolare è necessario appurare se si tratta di un avvenimento già ipotizzato dai sanitari. Se invece il fatto è imprevedibile o implica l?azione dolosa da parte di ignoti, per cui non è possibile individuare precise responsabilità, non si configura il reato di omissione di custodia o di controllo a carico dei gestori. Di conseguenza l?utente non può esercitare alcun diritto di rivalsa nei confronti degli stabilimenti».


Quale è la trafila che i bagnanti devono seguire nei casi dubbi?


«I cittadini, che vogliano denunciare presunte violazioni dei diritti del consumatore, devono rivolgersi in primo luogo alle agenzie regionali per l?ambiente. Si tratta di organismi presenti su tutto il territorio nazionale, che eseguono le prime verifiche in seguito alle segnalazioni. Qualora si configuri una precisa responsabilità da parte dei gestori, per cui l?accadimento risulti volontario e delittuoso, gli utenti possono rivolgersi alle associazioni dei consumatori, come il Codacons, per avere ulteriori delucidazioni su come procedere».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this