21 Luglio 2011

MANOVRA: AUMENTA TUTTO TRANNE IL PREZZO DELLE SIGARETTE!

    LA LOBBY DEL TABACCO, IN CAMBIO DI UN AUMENTO DELLA QUANTITA’ DI MATERIA PRIMA ACQUISTATA IN ITALIA, OTTIENE DI NON AUMENTARE IL VELENO CHE UCCIDE 80MILA PERSONE ALL’ANNO SOLO IN ITALIA

    ESPOSTO ALLA UE MENTRE I POLITICI DI MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE, MOLTI DEI QUALI FUMATORI, TACCIONO IMBARAZZATI

    La manovra economica varata dal Governo ha introdotto aumenti e nuove spese a carico dei cittadini ma, stranamente, non ha affatto toccato tabacchi e alcolici. Lo denuncia oggi il Codacons, che attacca sia i partiti di maggioranza che quelli dell’opposizione.
    “La lobby del tabacco ha intascato un’altra vittoria – spiega il Presidente Carlo Rienzi – La manovra del Governo, infatti, ha lasciato invariato il prezzo delle sigarette e le tasse su di esse, il cui aumento avrebbe portato ad una diminuzione dei consumi e quindi a minori introiti per le imprese produttrici. E proprio ieri, il Ministero delle politiche agricole e una multinazionale delle sigarette hanno annunciato un accordo in base al quale il produttore si impegna ad acquistare un quantitativo annuale di oltre 7.000 tonnellate di tabacco nazionale, aumentando del 15% le quantità acquistate nel 2010”.
    Un legame quindi tra la manovra che salva i produttori di sigarette e la decisione di aumentare gli acquisti di tabacco italiano, che fa sorgere pesanti sospetti, mentre l’opposizione, che vanta diversi fumatori, tace imbarazzata.
    Il Codacons ha deciso dunque di presentare un esposto alla Commissione Europea, affinché verifichi se la decisione del Governo Italiano di non colpire i prodotti da fumo attraverso la manovra finanziaria, possa configurare la fattispecie di “aiuti di Stato” nei confronti dei produttori di tabacco. 
     
     
     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox