fbpx
10 Febbraio 2002

Mancata collisione sulla pista di Malpensa

PANICO A BORDO: DUE HOSTESS CADONO A TERRA. DENUNCIA ALLA POLARIA DA PARTE DI UN PASSEGGERO ALL´ARRIVO A PALERMO

Mancata collisione sulla pista di Malpensa

Aereo in fase di rullaggio frena bruscamente per evitare un altro velivolo



MILANO


Una brusca frenata, e a bordo è stato il panico, almeno a quanto ha riferito uno dei passeggeri del volo Air Europe Milano-Palermo in fase di rullaggio ieri mattina su una pista di Malpensa. Quella «brusca frenata» sarebbe stata determinata dalla necessità di evitare un altro aereo (Alitalia), anch´esso in movimento sulla stessa pista di raccordo. Non è successo niente – due hostess sono cadute senza peraltro riportare ferite – ma l´episodio ha suscitato preoccupazione, anzi «paura e tensione», come riferito dal passeggero (esponente del Codacons) che all´arrivo a Palermo ha presentato una denuncia sull´accaduto. Secondo l´Enav, l´ente nazionale per l´assistenza al volo, non c´è stato alcun rischio di collisione, ma solo un «inconveniente a terra». Le stesse fonti dell`Enav hanno aggiunto che le registrazioni di volo tra i piloti dei due aerei e la torre di controllo saranno al più presto consegnate all` Agenzia Nazionale per la Sicurezza del volo, alla quale compete di accertare le cause e le eventuali responsabilità dell`inconveniente. Nel frattempo una prima indagine è stata condotta dalla Polaria, che ha svolto tutti gli accertamenti necessari. E la Polaria ha escluso in modo categorico che si sia trattato di una mancata collisione. I due aereomobili erano troppo distanti l´uno dall´altro: l´Alitalia era ad oltre un chilometro di distanza, in una posizione che non poteva influire in alcun modo sulle operazioni di decollo dell´Air Europe. Secondo la Polaria, l´idea che fosse sul suo percorso e troppo vicino è dovuta forse a quella che è stata definita una errata percezione del pilota. L´incidente è successo alle 10,20. L´aereo Air Europe sta rullando per raggiungere il punto di decollo, quando il pilota avvista in lontananza il volo Alitalia. Frena. La velocità è ridotta, 20 nodi, cioé 40 chilometri l´ora, ma la frenata manda a gambe all´aria le hostess, ancora in piedi, a differenza dei 119 passeggeri, già regolarmente assicurati ai sedili con le cinture di sicurezza. A bordo c´è sconcerto, paura, tensione. Il personale rassicura i passeggeri, e dopo pochi minuti l´aereo decolla alla volta di Palermo, dove atterra con un quarto d´ora di ritardo sull´orario previsto. Ed ecco che quel passeggero presenta denuncia alla Polaria. L´Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ricostruisce in breve l´accaduto, e accerta che l´aereo di Air Europe era stato autorizzato dalla torre di controllo a muoversi dal piazzale di sosta per raggiungere la pista di decollo. Ma anche il volo Alitalia è risultato assolutamente in regola, autorizzato a muoversi dalla torre. E allora, di chi la colpa della paura vissuta dai passeggeri? Air Europe – oltre alle scuse ai passeggeri, d´obbligo per qualunque inconveniente – ha dichiarato di condividere la scelta del pilota di evitare il benché minimo rischio. Alitalia non ha preso posizione, in quanto il suo pilota ha solo fatto da spettatore e non ci sono stati problemi. La Polaria di Malpensa ha ribadito che la distanza tra i due aerei era di un chilometro, e ha sottolineato la probabile errata percezione del pilota Air Europe. Un «conflitto di traffico al suolo», questa la definizione tecnica dell´incidente. Ma non una mancata collisione, come quella che si era verificata lo scorso 13 agosto, sempre a Malpensa. Allora ci fu davvero una «mancata collisione frontale» tra un altro aeromobile Air Europe e uno di Egypt Air. L´impatto era stato sfiorato sulla pista di decollo, ma all´ultimo tutto si era risolto al meglio. Era, invece, stata una tragedia enorme la collisione avvenuta a Linate lo scorso 8 ottobre, quando un aereo della Sas aveva «agganciato» con il carrello un Cessna privato. L´urto aveva provocato la morte degli occupanti del piccolo velivolo e quella di tutti gli occupanti del volo Sas: 118 vittime.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox