24 Novembre 2020

Mancano gli addetti, si ferma la metro C Assalto ai bus navetta

Chiusa, da Pantano a San Giovanni, la linea C della metropolitana. Ieri mattina, nella fascia di maggiore affluenza, il servizio non è partito per mancanza di personale. Caos nelle periferie e assalto ai bus navetta, con i passeggeri (30 mila persone) stipati nonostante le misure anti Covid. A causare il blocco di oltre quattro ore (la circolazione è stata ripristinata intorno alle 11.30 l’assenza per malattia della quasi totalità degli agenti di stazione. Per il turno dell’alba era previsto che fossero presidiate almeno nove fermate, su otto addetti se ne sono presentati soltanto due. Un paio di notifiche sarebbero arrivate alle 4, altre alle 11: comunicazioni last minute, che hanno impedito di approntare un piano B insinuando il sospetto che si sia trattato di uno sciopero bianco. Atac ha aperto un’indagine interna per appurare le ragioni che hanno portato allo stop: «Stiamo controllando i giustificativi, anche per valutare eventuali azioni davanti alle autorità». Nel frattempo, il Garante degli scioperi hachiesto alla società di via Prenestina «di comunicare con urgenza ogni utile informazione corredata da idonea documentazione». Il Codacons presenterà invece un esposto alla Procura con l’ipotesi di interruzione di pubblico servizio. Ma i sindacati contestano l’addebito di responsabilità ai lavoratori, ricordando la cronica carenza di organico: «L’anomalia non è che ci siano cinque o sei quarantene in più – controbatte Daniele Fuligni, segretario regionale della Filt- -, ma come mai una metro così importante chiuda con cinque o sei dipendenti in meno. In questo momento su 12 mila ce ne sono circa 500 in quarantena, tra positivi e in isolamento». Mentre si cercano riscontri ai certificati medici recapitati all’ultimo momento, si ipotizza che dietro l’assenza da record vi sia un contenzioso con l’azienda Per tutta la giornata di ieri i sindacati hanno negoziato con la municipalizzata su una serie di questioni, tra cui il ripristino dell’indennità dei turni straordinari sia per il servizio di superficie sia per la metro. Il verbale di accordo accoglierebbe anche la proposta di trasferire sulle altre linee gli operatori della Roma- e di anticipare al 2020 le risorse per le nuove assunzioni in programma nel 2021. Oggi il confronto verterà invece sulle nuove indennità di condotta per la linea C e la Roma- L’assessore capitolino alla Mobilità, Pietro Calabrese, promette «pene esemplari» stigmatizzando «lo schiaffo in faccia alla città e ai romani

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox