26 Marzo 2010

MALTEMPO: TAR, PROTEZIONE CIVILE NON DIA ATTI SU ‘PAI’

GIUDICI, RICHIESTA CODACONS SEMBRA CONTROLLO OPERATO SU PAI 

(ANSA) – ROMA, 26 MAR – L’acquisizione di tutti gli atti

preordinati alla predisposizione dei Piani di Assetto

idrogeologici (Pai) e delle conseguenti misure finalizzate al

contenimento del rischio idrogeologico in molte zone d’Italia

"non appare necessaria ai fini della decisione della

controversia". La richiesta, inoltre, "sembra preordinata ad

un controllo generalizzato dell’operato delle pubbliche

amministrazioni".

   Sono le motivazioni con le quali la I sezione de Tar del

Lazio, presieduta da Giorgio Giovannini, ha detto ‘no’ alle

richieste del Codacons di ordinare alla Protezione civile di

depositare in giudizio tutte le determinazioni prese e le misure

finalizzate al contenimento del rischio frane e crolli nei

comuni di Roccaraso (L’Aquila), Noli (Savona), Civitanova del

Sannio (Isernia), Erice (Trapani), Aci Castello (Catania), Santa

Marinella (Roma), Mandatoriccio (Cosenza), San Lorenzo Maggiore

(Benevento) e Gavazzana (Alessandria).

   In particolare, la richiesta era inserita nel ricorso con il

quale il Codacons chiede l’annullamento dei provvedimenti della

Protezione Civile, che, facendo seguito alla segnalazione fatta

dalla stessa associazione, ha invitato una serie di

amministrazioni locali di "verificare quanto segnalato ed

espletare il relativo seguito di competenza informando il

dipartimento sullo stato dei luoghi e sulle eventuali misure

adottate al riguardo".

   L’associazione chiedeva al Tar che la Protezione civile,

nell’ambito del giudizio, consegnasse una serie di documenti,

tra i quali anche le ricerche svolte e che avrebbero consentito

? a loro avviso – la costruzione di edifici su bacini, corsi

d’acqua e falde acquifere, nonché gli atti inerenti e relativi

la messa in sicurezza dal pericolo idrogeologico di frane e

crolli nelle zone indicate nel ricorso.

   Il Tar non ha però accolto la richiesta, rimandando la

discussione del ricorso in un’udienza che sarà prossimamente

fissata. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox