13 Maggio 2010

MALTEMPO IN LOMBARDIA: STRADE COME FIUMI E BUCHE COME GROVIERA

    NOVITA’: I COMUNI TENTANO DI SALVARSI CON IL LIMITE DI 30 Km/H IL CODACONS INVITA A NON RINUNCIARE ALL’AZIONE LEGALE

    Da alcuni giorni molte strade della Lombardia si sono trasformate in fiumi e ridotte ad un groviera.
    “Gli automobilisti ancora una volta sono costretti a fare slalom tra fiumi straripati, pozzanghere che assomigliano a laghi, rami spezzati che sembrano foreste, buche che assomigliano a crateri lunari” ha dichiarato il presidente del Codacons, Marco Donzelli. “Fin qui nulla di nuovo, considerato che con il nuovo secolo i comuni hanno deciso di non riparare più le buche, di non potare i rami lungo le strade, di non liberare i tombini intasati, di non far spalare la neve, di non spargere più il sale….
    La novità di questi giorni è che ora i comuni hanno deciso di salvarsi dalle sempre crescenti cause civili intraprese dagli automobilisti piazzando limiti assurdi di 30 Km/h” ha proseguito Donzelli.
    In pratica, siccome che per ottenere il risarcimento del danno non basta attestare il dissesto della strada ma, per dimostrare il nesso di casualità-effetto tra danno subito e la scarsa manutenzione della strada, occorre provare che la buca era un’insidia ed un trabocchetto non evitabile, ecco che il limite di 30 Km/h fa gioco ai comuni per sostenere che la buca, se gli automobilisti fossero stati praticamente immobili, si sarebbe potuta evitare.
    “Insomma i comuni, invece di fare il loro dovere, che è quello di mantenere in buono stato le strade preferiscono trovare escamotage per salvarsi da azioni legali. Non mandano, quindi, uomini a tappare i buchi ma a piazzare i cartelli, pericolo buche, limite di 30 km/H” ha concluso Donzelli.
    Il Codacons, nell’invitare i consumatori a rallentare e a prestare particolare attenzione laddove sono posti questi assurdi cartelli, invita i consumatori a tutelarsi legalmente. Ecco come procedere:

    1. Restate sul posto e chiamate subito i vigili o le forze dell’ordine, in modo che possano procedere agli accertamenti e fotografare la buca prima che venga coperta da qualcuno. Se non possono intervenire, scattate voi la foto con il cellulare e recatevi il più presto possibile a presentare denuncia.
    2. Onde evitare che l’ente proprietario della strada possa tentare di attribuirvi una qualche responsabilità per non aver evitato la buca, fate accertare da forze dell’ordine o da testimoni le circostanze aggravanti. Ad esempio la buca era subito dopo una curva? Era piena d’acqua? Quanto era larga e profonda? Era notte? Fate una foto della buca sia mostrando quanto è profonda (ad esempio infilandoci verticalmente una penna), sia il contesto in cui si trova (con un totale della strada).
    3. Inviate una raccomandata a/r all’ente proprietario della strada chiedendo i danni (fate una foto del danno subito e allegate la fattura del meccanico). Se non vi danno retta ricorrete al giudice di pace. In alternativa rivolgetevi ad un’associazione di consumatori.
    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox